Skip to content

Quei “deliziosi” GNOCCHI DI LICHENE !

by su 22 aprile 2011


Per decenni ci siamo chiesti “ma che diavolo sono questi cavolo di Marshmallow di cui parlano in ogni film americano?”. Appena capito che si tratta di quei tubetti (apparentemente fatti di zucchero) bianchi e rosa, morbidi, che al supermercato nessuno compra… era doveroso sollevare un sopracciglio di disappunto.
In Italia sono importati da decenni ma ben pochi italiani se li sono mai filati più di tanto. Decisamente le caramelle meno interessanti dal carretto dei dolciumi dei luna park. Negli Stati Uniti hanno invece la stessa fama che avevano in Italia gli ovini Kinder (i “Kinder Sorpresa”, a proposito li fanno ancora?).

La prima volta che sentii parlare di questi Marshmallow è stato nel film degli Acchiappafantasmi dove un malaugurato pensiero di Dan Aykroyd fa si che un malefico Dio ittita si presenti nella forma ormai nota ai più… quella dell’uomo della pubblicità dei Marshmallow, lo Stay Puft marshmallow-man

Storicamente in Italia vengono prima conosciuti con i fumetti di Snoopy e Charlie Brown in cui si parla dei Marshmallow arrostiti sul fuoco da campeggio (uno stereotipo proprio dei Marshmallow). Vennero tradotti con un nome di fantasia: “toffolette“. Nome carino, fantasioso ma anche piuttosto misterioso (i lettori italiani di Peanuts si saranno spesso chiesti che diavolo fossero queste toffolette e dove acquistarle!).

Un’altra celebre apparizione (forse la più celebre in assoluto) è proprio quella nel film Ghostbusters di cui accennavo prima. Nella versione doppiata, Dan Aykroyd descrive i Marshmallow come di “gnocchi di lichene“. In realtà i licheni non c’entrano proprio niente. Al massimo avrebbe dovuto dire gnocchi di malva. Difatti l’Altea comune, della famiglia delle Malvaceae, era usata originariamente per produrre questi dolciumi. Il loro nome, Marshmallow, deriva proprio dal nome comune che ha questa pianta (Marshmallow appunto), un accostamento di “marsh” (=palude, dove cresce la pianta) e “mallow” (=malva). Dovremmo forse chiamare i Marshmallow “dolcetti di malva palustre”? No per carità! Primo perchè non se li comprerebbe nessuno, secondo perchè “Marshmallow” ormai è praticamente un marchio registrato ed ogni volta che i doppiatori cercano di tradurre la parola si hanno sempre risultati disastrosi. Tra l’altro i Marshmallow sono secoli che non li fanno più con l’estratto di malva palustre. Come ogni alimento moderno che si rispetti adesso sono prodotti in maniera industriale, non contengono alcuna sostanza benefica e fanno felicissimi i dentisti. (sarei più curioso di provare invece quelli fatti con estratto di malva che indubbiamente avranno avuto anche degli effetti benefici sulla salute… -> vedersi le proprietà terapeutiche della malva)

Ritornando brevemente agli gnocchi di lichene dei Ghostbusters, bisogna specificare che al contrario della malva, il lichene non è neanche una pianta. Mi domando sinceramente come gli sia venuto di descriverli come “gnocchi di lichene”. Che abbiano creduto davvero che si trattasse di questo? Era pur sempre il 1984 e non c’era certo wikipedia a portata di mano, qualche scusante quindi gliela darei ai traduttori in questo caso.
La frase originale era: We used to roast StayPuft marshmallows by the fire at Camp Waconda
Tuttavia sarebbe risultata poco comprensibile al pubblico italiano (una frase densa di riferimenti noti solo agli americani, come l’abbrustolire i marshmallow in campeggio) quindi i doppiatori optarono per la seguente frase:
non c’è niente di più soffice e dolce di quei candidi gnocchi di lichene.

Una volta li ho comprati per curiosità e li ho messi nel latte come vidi fare nei Simpson (a ripensarci… che idea stupida che mi è venuta!). Alla fine mi sono dovuto mangiare una cosa che era praticamente latte e pezzi di gomma… credo una delle peggiori colazioni che io abbia mai fatto. Non ho provato ad abbrustolirli sul fuoco ma direi che mangiarmi caramellacce gommose bruciacchiate non è il mio sogno nel cassetto. In campeggio al massimo abbrustolirei delle salsicce, altro che dolciumi da fiera di paese!

 

Buone feste a tutti.

Annunci

From → Critiche varie, Film

72 commenti
  1. utente anonimo permalink

    a me queste caramelle sembrano buone solo per prendere il diabete… riguardo il cognome Venkman che si legge come si scrive pensavo sempre che fosse storpiato appositamente per far ridere…. insomma, credevo fosse un tema sociale affrontato dal film: lo storpiamento dei cognomi. Un po' come in Fantozzi…. e invece scopro che per davvero si legge Venkman. Peccato.

  2. utente anonimo permalink

    Mitico questo blog!

  3. utente anonimo permalink

    il termine "toffoletta" penso derivi da "toffee".

    (cmq la raduzione più assurda nelle strisce dei Peanuts resterà sempre "Great Pumpkin" –> "Grande Cocomero")

    in USA i marshmallow vengono usati per fare un dolce che chiamano "s'more" contrazione di "some more" ed è fatto con 2 cracker di farina integrale di grano, con dentro una tavoletta di cioccolata e un marshmallow abbrustolito che scioglie la cioccolata.

    in uno dei tanti film usa adolescenziali sui ragazzini che giocano a baseball il nome viene tradotto in "ancora" 😀
    Tommy

  4. utente anonimo permalink

    Quelli che ho mangiato io sono di importazione spagnola, hanno nomi storpiati (evidentemente perché come hai detto "Marshmallow" è registrato), ma credo siano fatti solo di zucchero o poco più.
    Comunque, anche non sapendo di cosa dovrebbero essere fatti, la frase di Ray in Ghostbusters mi lasciò un pochino perplesso (pensai, ma da quando in qua si fanno i dolci con i licheni? se è così hanno dei gusti strani 'sti americani).
    Senza dubbio ciò che può aver confuso tanti altri italiani, oltre alla citazione in sé, è lo stesso Stay Puft. E' chiaro, nel film se non sbaglio viene accennato si tratti di una vecchia reclàme, ma chi magari non sta attento può rimanere confuso. Il sottoscritto, da pischellissimo lo confuse con Paperino per via della marinaretta (vabbè)… C'è chi probabilmente lo ha visto e ha pensato subito all' "Omino Michelin" (che ho recentemente scoperto chiamarsi Bibendum).

    Leo

  5. utente anonimo permalink

    Mi dimenticavo la cosa più importante…. Se la memoria non mi inganna (ma ne sono quasi sicuro) in "Il dottor Dolittle" vengono chiamati "friccicorii"
    Che nome bizzarro…

    Leo

  6. -> ad anonimo 2: grazie. Sei mitico tu ad apprezzarlo 😉

    -> a Tommy: è vero piuttosto assurda quella del Grande Cocomero per Great Pumpkin. Tra l'altro Grande Cocomero è anche il titolo di un film italiano.
    Ti copio cosa dicono su Wikipedia in inglese

    Italy and the Great Watermelon

    When Peanuts' strip was first intoduced in Italy, Halloween was almost unknown there as a festivity. The earlier translations turned the pumpkin in a watermelon ("Il Grande Cocomero") because it was felt as a more Mediterranean and understandable fruit-figure, and the mistranslation did somehow stick in the Italian pop culture.
    Per quanto riguarda il "s'more" tradotto come "ancora", resto allibito. Ma che film era??

    -> a Leo: lo devo ricontrollare "Il Dottor Dolittle", friccicorii mi sembra una cosa molto Tonino-Accollania

  7. utente anonimo permalink

    eeeeh il titolo… è uno di quei filmetti anonimi che passano d'estate, recuperare il titolo è un impresa.

    scrivo quello che mi ricordo, magari qualcuno lo conosce.

    Il protagonista è un ragazzino asociale che passa l'estate in camera a fare costruzioni con il meccano, ma la madre lo obbliga a uscire.

    la storia è raccontata dalla voce del protagonista ormai adulto.

    conosce altri ragazzi che giocano a baseball, tra cui Rodriguez, l'unico che sa giocare, un ragazzo grassottello e uno mingherlino con gli occhialoni e i dentoni.

    li conosce perchè gli rilancia la palla, ma non è capace e la lancia a pochi centimetri facendosi prendere in giro.

    a un'occasione successiva Rodriguez, che l'ha preso in simpatia, gli dice che gli lancerà la palla dritta in mano e gli spiega come rilanciarla; ci riesce ed entra in squadra.

    un giorno perdono la palla, che finisce oltre la recinzione, dov c'è anche un cane che rende impossibile il recupero, e lui gli porta una palla che ha in casa; è firmata da Babe Ruth, ma lui non lo conosce e non se ne preoccupa; anche questa palla finisce oltre il recinto, e quando lui parla della firma decidono di recuperarla.

    tra l'altro sente spesso gli altri parlare di "The Big Babe" (tradotto alla lettera "Il Grande Bambino"); finge di conoscerlo ma non fa il collegamento fino a quel momento 😀

    vengono sfidati da un altra squadra, e riescono a batterli.

    il ragazzino occhialuto, un giorno che nuotano in piscina, fa finta di annegare per baciare la bagnina.

    infine la scena di "s'more": lui arriva alla casa sull'albero dove si trovano gli altri, e il ragazzino grassottello  gli chiede:" Vuoi "ancora"? e lui: "non ne ho ancora mangiato, perchè mi chiedi se ne voglio ancora? e l'altro risponde:"tu mi farai morire… questo SI CHIAMA "Ancora"!

    quindi penso l'abbiano tradotto così per non perdere il senso della battuta.

    mi ricordo solo questo, vediamo se qualcuno capisce che film è 😀
    Tommy

  8. utente anonimo permalink

    Ma pensa. Io ero sempre stato convinto che fossero dei pezzetti di lardo fatti abbrustolire sul fuoco. Mai mi sarei aspettato si trattasse di caramelle…

    Quanto agli "gnocchi di lichene": ero incerto fra "gnocchi che facevano tanto schifo da parere fatti di lichene" o "gnocchi vegetali per dimagrire".

    Rado il Figo

  9. Non ho idea del film Tommy, dicci il titolo. La traduzione di "s'more" come "ancora" ha più senso ora che riporti il dialogo, hanno voluto tenere la battuta originale.

    "Rado" direi che il lardo avrebbe più senso come cibo da campeggio. In effetti gli "gnocchi di lichene" non danno l'idea di qualcosa di gradevole da mangiare. Immagino dunque che al pubblico americano faccia venire l'acquolina in bocca vedere lo Stay Puft Marshmallow Man disciogliersi. Io a vedere quella roba bianca definita "gnocco di lichene" mi sono sempre un po' disgustato.

  10. utente anonimo permalink

    Penso che il film di cui parla Tommy sia The Sandlot (http://en.wikipedia.org/wiki/The_Sandlot): la trama corrisponde al 100%; non so come sia stato tradotto il titolo in italiano.

  11. utente anonimo permalink

    basta cliccare sul link di imdb, e viene visualizzato il titolo italiano: "I ragazzi vincenti".

  12. Mai visto ne sentito nominare; comunque ti ringrazio, mi era rimasto questo dubbio!
    Se parla di baseball allora si spiega perchè io non lo conosca, se è invece più in stile Stand by me potrei dargli una chance.

  13. utente anonimo permalink

    Io i marshmallow li ho sentiti chiamare addirittura "meringhe", fate voi.

    Fate caso che qua in Italia si ha sempre problemi con i dolci stranieri, addirittura spesso si vedono i muffin chiamati "tortine" o "dolci", anche se in Italia sono diffusissimi con il loro nome corretto. Bah.

  14. Effettivamente fino a una dozzina di anni fa la parola "muffin" non era molto comune, poi entrò nel vocabolario di tutti i giorni quando cominciarono ad essere commercializzati con tale nome (tra i primi che ricordo mi pare ci fossero i Mr. Muffin o qualcosa del genere) e sicuramente cominciavano anche a tradurli nei film con il loro nome originale.

    Ancora non abbiamo una traduzione per twinkie che nel migliori dei casi viene tradotto come plum cake (Ghostbusters ne è un esempio; nei Simpson la settimana scorsa hanno usato il termine generico di merendine).

    Il nome meringhe è proprio fuorviante, secondo me lo dovrebbero vietare. Finchè si rimane sul generico come "tortine" per i muffin è un conto, ma con "meringhe" uno si aspetta qualcosa di ben preciso e ben diverso.

  15. Raffy permalink

    A me fa incavolare la traduzione di pancake come “frittelle”, quando non sono né fritte né zuccherate! Forse adesso sono abbastanza noti anche qui per poterli “lasciar stare”?

  16. Come non sono fritte? Si si, si fanno fritte, come le crepes. Guarda qui: http://www.wikihow.com/Make-Pancakes
    Comunque si, anche in Italia adesso si dice “pancake” seppur non le abbia mai viste né cucinare né già pronte al supermercato.

  17. Raffy permalink

    Ascolta, io LI FACCIO. Ho anche guardato un tutorial su YT per capire i tempi esatti. Non sono fritti, non si usa olio, si imburra appena la padella e si gira la pastella quando fa le bolle. E’ una robina spugnosa e pressoché asciutta. 🙂

  18. Raffy permalink

    Comunque mi sa che abbiamo un diverso concetto di fritto, perché per me neanche le crepes lo sono. Se friggere = immergere in olio e far dorare.
    Anche WikiAnswers mi dà ragione http://wiki.answers.com/Q/Are_pancakes_fried

  19. “mi sa che abbiamo un diverso concetto di fritto”
    Immagino di si. Come si dice allora “cotti in padella”? Io li mangio quando sono nel Regno Unito, sono più piccoli di quelli americani ma la consistenza è la stessa.

    • Raffy permalink

      Bè, loro la padella la chiamano frying pan in generale, noi no. Però il pancake dev’essere una cosa particolare, infatti l’hanno chiamato “torta da padella”. 🙂

      Ma bando alle minuzie linguistiche. Complimenti per il blog, molto interessante e meritevole!

      Ghostbusters ruleZ!

  20. Grazie mille e benvenuta. Una ragazza che elogia Ghostbusters poi è doppiamente benvenuta

    • Raffy permalink

      Allora ti stupirebbero certe mie passioni cinefile. 🙂

    • Sentiamo! Non mi stupisco facilmente.

    • Raffy permalink

      Mi piacciono tanto tanto i film con Jennifer Lopez o Julia o Hugh!

    • Capisco ;-P

    • Raffy permalink

      Bè, sei rimasto stupito, no?! 🙂

      Mi piacciono drammi, commedie, horror, fantascienza… basta che siano originali e intensi. Ho deciso di scrivere la mia tesi su Terry Gilliam dopo aver visto “L’esercito delle 12 scimmie”.

      Mi stupiva che ti stupisse che a una ragazza (vecchia :P) piaccia tanto “Ghostbusters”… proprio ieri citavo battute su battute con un’amica di Facebook. Ma in effetti, prima avevo condiviso questa mania solo con amici masculi, compreso il mio amico d’infanzia con cui lo vidi la prima volta. 🙂

    • Stupito? Nah, niente stupisce di più di una ragazza italiana a cui piacciono gli Acchiappafantasmi. Sarà difficile trovare amiche con cui citarli. In Italia non ricordo di aver conosciuto alcuna ragazza alla quale fosse mai interessato Ghostbusters… o Guerre Stellari se per questo.
      L’Esercito delle 12 Scimmie è favoloso. Sottovalutato secondo me. Io ho in DVD Brazil. Non so se lo conosci.

    • Raffy permalink

      Ma pensa! Meglio per me… 🙂

    • Moon permalink

      Ciao, sono una ragazza italiana di 25 anni e adoro film come i Ghostbusters e Frankenstein jr, e ho molte amiche della mia età con cui cito questi film 🙂
      Ps: i marshmallow sono una cosa chimicissima e zuccherosissima, ma arrostiti sono davvero buoni.
      Se ti piacciono le schifezze. 😀

      Pps: interessantissimo blog, complimenti! Me lo sto spulciando pian piano ^^

    • Benvenuta e buona fortuna a spulciare tutto, ormai ho accumulato quasi 400 articoli in questi 3 anni, ci metterai un po’ ma se l’argomento ti interessa vedrai che ne varrà la pena.

      Poi queste tue amiche me le devi introdurre in questo blog ahah! È la prima volta che sento di “gruppi” di amiche che citano Ghostbusters e Frankenstein Jr… L’umanità ha ancora una speranza!

      Ancora benvenuta!

  21. Phantom Dusclops permalink

    Piuttosto, “waffle” tradotto come “cialda” è corretto?

    (E qui mi viene in mente Shrek, dove il riferimento ai waffles fatto da Ciuchino nel primo film viene reso in italiano come “ciambelle”: peccato che nei film successivi-sicuramente nel quarto, non ricordo negli altri-vengano mostrati chiaramente e comunque fatti passare per ciambelle!)

    • Raffy permalink

      Credo che vada bene, la nostra cialda ci assomiglia come aspetto, anche se il waffle è più alto e soffice. Yum…

    • Si, il waffle è una cialda. Avendo visto i vari Shrek solo una volta e prevalentemente in italiano non avevo mai notato questa scelta di tradurre waffle con ciambelle. Effettivamente cialda è un termine anche relativamente generico in italiano e non di immediata visualizzazione mentale. Ciambelle in italiano è tanto immediato quanto waffle in inglese. Questa credo sia la giustificazione di chi ha adattato la serie. E’ ovvio che poi sono cazzi quando queste cialde spuntano fuori per davvero e si finisce come nella serie La Tata in cui un matrimonio ebraico veniva disperatamente spacciato per cerimonia cattolica.

    • Raffy permalink

      Argh, l’edizione italiana di The Nanny è una delle cose più cringe-inducing di sempre! Per fortuna si trova in originale su YouTube (e le prime 3 serie in dvd), perché è una fonte di memorabili perle. 🙂

    • Io in realtà non l’ho mai vista ma un mio amico me l’ha descritta così bene che è quasi come se l’avessi vista io stesso. Credo che un giorno dovrò dedicargli un intero articolo.

    • Phantom Dusclops permalink

      A me viene pure in mente un assurdo caso di questo tipo in un episodio vecchio dei Simpson, dove si cerca di far passare le Dixie Chicks per le Spice Girls(e direi che è un paragone improponibile, dato che le Dixie Chicks sono tutte bionde e soprattutto in tre, mentre le Spice Girls erano prima in cinque e poi in quattro).

    • Devo chiedere a Leo che è il vero esperto di Simpson. Al momento non mi sovviene questo episodio.

  22. Raffy permalink

    E’ davvero esilarante! Io ho convertito il mio fidanzato. Peccato per le ultime stagioni, in cui esagera con il kitsch e vira verso il melenso.

  23. Raffy permalink

    Uh, Evit, ho scritto una tesi su Gilliam, ovviamente conosco anche Brazil. 🙂

    • Non si può mai dire. Conosco gente che critica e analizza film senza neanche averli mai visti quindi chiedo sempre! Senza offesa! Conoscevo uno che faceva e ancora fa critica cinematografica praticamente basandosi sulle opinioni di altri critici e pubblicando articoli senza ancor visto il film, giuro! Da lì capii un po’ di più il mondo dei critici e in seguito naque il mio “critica alla critica”.

      Prima dell’edizione DVD Brazil era piuttosto difficile da recuperare. Alla RAI passava raramente di notte e ne avevano una copia d’epoca veramente rovinata, completamente scurita (quasi un altro film!). La mia copia DVD la conservo con estrema gioia. La tua tesi è leggibile? (Per leggibile intendo… è possibile leggerla? Sarei curioso)
      Presumo che parteciperai al casting dei doppiatori di Monty Python!

    • Ahimè, prima di cambiare computer scrissi la mia tesi salvandola su floppy… Ma ho intenzione di farmi scansionare il cartaceo prima o poi e farne un bel pdf!

      Come si fa a non vedere i film (o leggere fino in fondo) i libri prima di parlarne? So che l’onestà intellettuale non è di moda, ma… O__0
      Ora sono curiosa di sapere chi è il simpaticone a cui ti riferisci!

    • Non temere, non fa danni agli italiani. Scrive per un settimanale di lingua inglese che viene distribuito nella mia città e che prevalentemente viene letto da turisti in visita o da “expatriates” del posto.

    • Oh, so you live abroad, you lucky guy 🙂

  24. No no, vivo in Italia ma in una città che ha molti turisti americani e una comunità inglese discretamente numerosa per la quale in passato ho anche lavoricchiato. Vivo “abroad” (in Scozia) solo per alcuni mesi all’anno.

  25. Phantom Dusclops permalink

    E stanotte, facendo zapping, fra una roba e l’altra ho trovato quella che forse è la traduzione più improbabile di Marshmallows: MORBIDONI!

    (se vi chiedete da dove esce fuori, ve lo dico subito: da “L’orso nella grande casa blu”. Sì, io guardo quello alle 2 di notte.)

  26. anonimo permalink

    Ma come si fa a non aver mai mangiato i Marshmallow? XD

    • Eh che ci vuoi fare… Non tutti sono persone navigate come te “anonimo” Suigintou.

  27. pier maria permalink

    ciao i marshmellows sono praticamente l’equvalente di quello che qui in veneto chiamavamo “tiramolla” e tradizione vuole che venisse intrecciata con lo sputo del produttore,poi veniva venduta in trecce lunghe piuttosto che in bocconcini. I waffle in belgio sono molto popolari e vengono chiamati “goffre”,al femminile.Ce ne sono di più spugnosi e di più “solidi”.Se non sbaglio,ma non garantisco,sono tipici del nord europa in generale e presenti anche nella cucina piemontese in forma più sottile col nome di “gofri”.

    • Ma quelli veneti come venivano realizzati? A partire da una pianta o come quelli industriali di adesso?

  28. Che delusione quando scoprii che le toffolette non sono un cibo salato…! Comunque abbrustolite sul fuoco non sono malissimo. Provale.

  29. Sumero, non Ittita. E’ tutta una altra cosa. Gozer era molto forte in Sumeria 😉 Per il resto fare un pezzo sui Marshmallow… Hai vinto tutto 😀 Cheers!

  30. Evit: il doppiaggio de “La Tata” è un caso quantomai strano: alcune battute e gag sono riuscitissime, ed è azzeccata anche la scelta dei doppiatori (Mino Caprio su Miles l’ho sempre adorato), ma onestamente non si capisce il motivo per cui alcuni aspetti della trama (e le sotto trame di alcuni episodi) sono state stravolte. In particolare, ricordo, oltre al matrimonio ebreo spacciato per cattolico (talmente strano da essere più memorabile delle gag più divertenti), anche un flashback, in un altro episodio, di Francesca (o, meglio, Fran) che vive in un kibbutz. Nella serie originale, ciò ha senso, in quanto i kibbutz erano frequentati da ebrei, ma nella versione italiana non si capisce, in quanto la protagonista viene spacciata per cattolica. A mio avviso, se avessero tradotto la serie in modo non dico letterale ma almeno comprensibile e fedele all’originale, ci saremmo divertiti comunque. Aspetto con ansia un tuo articolo sulla serie.

    • Ciao Alessandro, per un articolo simile ci vorrebbe il mio amico Petar che è il vero esperto televisivo, io non l’ho seguita molto e mi affido più che altro a ciò che mi è stato narrato (noterai che in questo blog parlo principalmente di film, che poi è l’argomento di cui sono più esperto. Di TV accenno soltanto). Indubbiamente l’adattamento della Tata è parto di quell’epoca dove simili scelte (quelle di stravolgere l’originale per assicurarsi un successo anche in Italia) erano quasi la norma per le serie televisive del genere commedia (in Pappa & Ciccia per esempio, la protagonista “Roseanne” era napoletana nella versione doppiata). È probabile che La Tata avrebbe avuto un successo simile anche senza stravolgimenti ma non è cosa certissima, il pubblico italiano era ben diverso negli anni ’90, direi anche molto più esigente per alcuni versi. Ripensando all’intera serie adesso magari è facile ricordare tantissimi momenti comici che avrebbero funzionato a prescindere dalla parte religiosa (ebreo/cattolico), ma considera anche che è la prima stagione (a volte anche solo i primi due episodi) che decretano il successo commerciale di un prodotto televisivo. Chi ha curato la versione italiana avrà reputato che sarebbe stato più difficile per il pubblico italiano immedesimarsi in un contesto familiare per noi quasi completamente sconosciuto (sì, ci sono ebrei anche in Italia, ma quanti ne conosce l’italiano medio? Solitamente nessuno).
      Ovviamente non ne giustifico la scelta, sto solo provando ad indovinarne le ragioni. Personalmente non avrei avuto il coraggio di proporre una simile alterazione, ma nel mondo dell’adattamento non c’è una sola scuola di pensiero e a seconda del periodo storico si può vedere una maggior presenza di una piuttosto che un’altra. Al momento va di moda lasciare tanti termini in inglese nonostante esistano pratici corrispettivi italiani, a detrimento della fruibilità complessiva del prodotto, questa ad esempio è per me tanto grave quanto cambiare la Tata da ebrea a cattolica.

  31. Probabilmente, hanno usato lo stesso ragionamento che hai fatto tu. Questo, però, secondo me non è fare un doppiaggio. A questo punto, se ritenevano la serie poco adatta al pubblico italiano, avrebbero anche potuto evitare di comprarla. Capisco modificare alcune battute perché incomprensibili in italiano (come hanno fatto Elio e le storie tese con il film di Austin Powers, oppure con Ghostbusters in cui è citato Hitler al posto del capo dell’FBI), ma addirittura stravolgere la trama e compiere certi errori mi sembra sbagliato. E lo dice uno che moriva dal ridere guardando “La Tata” in italiano.
    Sul fatto di lasciare troppi termini anglofoni, hai ragione e concordo in pieno.

    PS 1: in effetti gli sketch più divertenti non sono quelli che riguardano le origini di Fran, ma quelli che riguardano le dinamiche tra Maxwell, C. C. Babcock, la protagonista stessa e il maggiordomo (il quale secondo me vale tutta la serie ed è di gran lunga il personaggio più divertente).

    • Se non sono troppe stagioni magari un giorno me la guardo per bene questa Tata, mi hai fatto incuriosire. Non tanto per la questione dell’adattamento da ebrei a cattolici, quanto per gli sketch divertenti a cui facevi riferimento.

  32. Sono sei stagioni. Un centinaio di episodi di 20-30 minuti.

    • Fattibile

    • Una precisazione: la protagonista di quella sit-com non venne trasformata da ebrea a cattolica, venne trasformata da ebrea a ITALIANA, e fu una mossa saggia secondo me. Le batutte che venivano fatte a riguardo non riguardavano tanto la religione quanto il senso della famiglia e della tradizione degli ebrei, che non è molto diverso da quello degli italiani, ma di cui soprattutto molti spettatori nostrani nemmeno conoscono l’esistenza. Certo la cosa andava gestita un po’ meglio per evitare strafalcioni (del tipo: perché zia Yetta continua a ricordarsi dell’epoca in cui viveva in Polonia se è italiana?).

    • Era un mio assunto, quello da ebrea a cattolica, andavo a memoria su quello che ricordavo. In ogni caso, se si trasforma una famiglia ebrea in una famiglia italiana, penso sia implicito anche il cambio di religione e di riferimenti culturali e religiosi.
      Credo che con cambiamenti simili è difficile evitare poi di fare strafalcioni perché di solito si intraprendono simili scelte quando ancora la serie è agli inizi ed è impossibile prevedere situazioni e battute che verranno scritte in seguito. Comunque, riservo il mio giudizio a quando avrò visto almeno la prima stagione.

  33. Martin permalink

    Sto guardando Ghostbusters per la millesima volta e m’è venuto finalmente voglia di cercare cosa intendessero per gnocchi di lichene, credevo che in Italia magari all’epoca fossero conosciuti così (all’epoca avevo solo 3 anni) ma a quanto leggo dall’articolo fu una mera scelta di doppiaggio. Comunque anche negli anni ottanta/novanta all’esselunga se ne trovavano di marshmallow, oggi sono molto più diffusi ma effettivamente non se li filava nessuno. Cmq li chiama anche in un altro modo Ray, tipo “bolidi di Chevlar”?! O qualcosa così…. Saluti 🙂

    • Ciao Martin, anche io li ricordo solo all’Esselunga per molti anni, adesso sono più comuni.
      Ray li chiama “boli di licheno”, per i motivi spiegati nell’articolo. Mi fa sempre piacere che la gente mi trovi per questo approfondimento sui marshmallow, quando ero piccolo ho sempre avuto le tue stesse domande 😛

  34. Claudio permalink

    Ciao, complimenti per il blog. Anche chi curò l’adattamento di Twin Peaks temeva che in pochi avessero dimestichezza con gli esoterici marshmallows, per cui li tramutò in… salsicce di maiale (sic)! 🙂 Vedi qui: https://www.youtube.com/watch?v=DRcJhqkwKJc

    • Ahah! Ricordavo vagamente questa scena. Grazie per il link al video, effettivamente la situazione si prestava abbastanza bene alle “salsicce di maiale” sebbene ci si possa domandare perché siano così bianche e perché siano contenute in una busta di plastica conservata in un cassetto della scrivania, ma la bassa risoluzione delle televisioni anni ’90 a volte aiuta 😛

      Ottime le voci, molto adatte ai personaggi. L’ho visto molto tempo fa, ormai non lo ricordo quasi più.

    • Evit riguardalo che tra poco ricomincia.

Trackbacks & Pingbacks

  1. Benvenuti a Zombieland « Doppiaggi italioti
  2. Non vi preoccupate, sto benissimo! « Doppiaggi italioti
  3. Mckennedy BBQ Marshmallows | Homo De Panza..
  4. Ghostbusters II – Il sequel del Puzzaware [+CONCORSO INDOVINA LA VOCE] | Doppiaggi italioti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...