Skip to content

Beetlejuice – Spiritello porcello

by su 23 giugno 2011

So che vi aspettate che io parli del titolo invece no, voglio parlare del doppiaggio e di un paio di scene di questa divertente commedia anni ’80 che mi riporta indietro di un po’ di anni (e di conseguenza effetto nostalgia!).

Ebbene questo film appartiene a quel periodo che io definisco “di quando i film venivano doppiati quasi sempre bene”. L’interpretazione “spumeggiante” di Michael Keaton nei panni del bioesorcista Beetlejuice viene resa alla perfezione dal poliedrico Carlo Reali (per me anche memorabile per il doppiaggio del pagliaccio di IT ), stesso timbro di voce e stessa energia, inoltre alcune scene (come spesso accadeva per i film comici doppiati in quegli anni) sono rese più divertenti dal doppiaggio stesso. Un esempio lo troviamo nella scena sala d’attesa dell’aldilà dove un uomo morto carbonizzato offre una sigaretta ad Alec Baldwin. Mentre in inglese l’uomo carbonizzato ha una voce assolutamente normale e il dialogo recita:

You want a cigarette? –No, thank you. –I’m trying to cut down myself
(http://www.youtube.com/watch?v=_ogoh0xM6sw)

…in italiano la stessa scena è resa spassosa dalla scelta di dare una voce più comica (da cartonesco fumatore incallito) all’uomo carbonizzato. Il dialogo italiano recita:

Una sigaretta?  –No, grazie. –Le offro, così fumo di meno!
(http://www.youtube.com/watch?v=djzFWESslXc [2.49])

Da notare sempre nella stessa scena anche la frase successiva:
-Is this what happens when you die?
-This is what happens when you die. That is what happens when he dies. And that is what happens when they die (indicando delle prostitute nella sala d’attesa)

che in italiano aggiunge un tocco di comicità in più
-E’ questo che capita quando uno muore?
-E’ questo che capita quando lei muore e quello quando lui muore e quello quando muoiono las putanas.

Il film è pieno di divertenti aggiunte e, nel complesso, veramente poche battute originali risultano meno divertenti in italiano (difatti al momento non ne ricordo alcuna).

Infine, di questo film è certamente da notare (ai fini del mio blog) la battuta “Things seem pretty quiet here.You should thank God you didn’t die in Italy che in italiano diventaSembra abbastanza tranquillo qui (riferendosi alla casa). Siete fortunati a non essere morti in Uganda”. Presumo che lo stereotipo italiano sia quello di case affollate e chiassose stile bassi napoletani, per la versione doppiata hanno ricercato un corrispettivo nel terzo mondo. Sebbene leggermente offensivo, io credo che avrebbero potuto lasciare la battuta originale almeno potevamo avere un’idea di cosa pensano di noi gli americani.
VOTO DOPPIAGGIO: 9

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...