Skip to content

Intervista sul progetto di ridoppiaggio dei Monty Python

by su 6 febbraio 2012

Lo scorso dicembre ci è stata richiesta una breve intervista radio riguardo al nostro progetto di ridoppiaggio del film Monty Python anche se alla fine i tempi erano molto ristretti e non sono state poste un gran che di domande a riguardo, pertanto ho sentito la necessità di pubblicare una mia intervista al curatore stesso del progetto, Leonardo, così da dissipare dubbi e quesiti a riguardo. In grassetto troverete le mie domande.

Evit: Leo, ormai tu e io ci conosciamo piuttosto bene ma ho voluto comunque fare questa intervista per i miei lettori, soprattutto quelli nuovi che magari non sanno niente del progetto Monty Python. Diciamo innanzitutto che cos’è questo “progetto Monty Python” che tu giustamente hai chiamato “Monty Python and the Quest for the Holy Fandub” (e che io tradurrei in italiano come “Monty Python e la Ricerca del Santo Ridoppiaggio”). In cosa consiste quindi e cosa ti ha spinto a realizzarlo?

Leo: Il progetto consiste in un ridoppiaggio, o meglio in un doppiaggio di sana pianta (tra un attimo spiegherò perché di sana pianta) del film “Monty Python and the Holy Grail” (1974), che uscì qui in Italia nel 1976 con il ridotto titolo di “Monty Python”.
Se dovessi parlare adesso della troupe di comici inglesi che ci ha regalato questo ed altri film, temo ci perderemmo, io purtroppo sono uno che ama raccontare le cose dal principio, quindi dirò soltanto che i Python sono stati dei comici geniali e suggerisco a chi volesse saperne di più di consultare il loro articolo su Wikipedia.

Il film in sé è una farsa che attinge dalle leggende Arturiane, e racconta la storia di una strampalata combriccola di cavalieri in cerca del Santo Graal, capitanati da un invasato che risponde al nome di Re Artù. Nel corso degli anni questa è diventata una pellicola di culto nei paesi anglossassoni, arrivando ad essere una delle più citate dagli appassionati del genere comico. Ma non qui in Italia. Perché, sembra lecito chiedere. La ragione è che quando il film uscì, la distribuzione italiana affidò l’adattamento e il doppiaggio alla compagnia teatrale del Bagaglino. Questi stravolsero completamente i dialoghi, arrivando a un punto in cui in moltissime scene il divario tra testo originale e “traduzione” italiana è vasto più del Gran Canyon.
Il progetto dunque consiste in un doppiaggio di sana pianta perché ignorerà tutto della versione italiana del 1976, cercando di costruire, con l’aiuto di doppiatori bravi e volenterosi, una versione italiana di questo film che sia filologicamente corretta, rispettosa dell’opera originale. Sono stato spinto a iniziare questo progetto proprio per amore del film, che mi ha fatto tanto ridere in inglese, ma in italiano non rendeva affatto giustizia all’opera dei Monty Python.

Inutile chiederti allora che cosa ne pensi del doppiaggio e dell’adattamento originale da parte del Bagaglino?

Ancora oggi fatico a credere alle mie orecchie quando sento qualche spezzone del doppiaggio originale.
L’adattamento dell’epoca può enumerare:

  • l’aggiunta di turpiloquio gratuito
  • accenti regionali italiani a sproposito ed usati anche in maniera illogica (spiegatemi perché un militare che si definisce austriaco debba parlare in siciliano)
  • l’inserimento di tirate assolutamente inutili e tendenti al nonsense su economia e politica

Peccato per i bravi interpreti presenti nel film, Oreste Lionello (che doppia Eric Idle per tutto il film, tranne un ruolo per il quale lo sostituisce Bombolo [!] ), Silvio Spaccesi e Claudio Capone.

Sono voci che fanno parte della storia del cinema, Lionello per Gene Wilder ma soprattutto Woody Allen, Spaccesi e Capone tanto per fare un esempio saranno pochi anni dopo rispettivamente Yoda e Luke Skywalker ne “L’impero colpisce ancora”.  Ma in generale si perde completamente il tono dissacrante dei Python, andata è la parodia del genere cavalleresco per far strada a qualcosa di terribilmente sbagliato, qualcosa che non dovrebbe esistere, come un ibrido balena-fenicottero. Però un merito ce l’ha. Adesso lo utlilzzo come metro di paragone negativo, se c’è qualcosa in un adattamento o una traduzione che mi fa arricciare il naso, penso “Beh, almeno non fa pena quanto il doppiaggio dei Monty Python del Bagaglino”.

Ti fai conoscere come Leonardo, ma chi sei e cosa fai nella vita? Perché ritieni d’essere adatto a questo progetto?

Su Internet il mio nome è Leonardo, ma nella vita sono solo uno studente universitario della terra del sole e dei fichi d’india, che in comune col Genio Toscano ha solo il fatto d’essere mancino. Sono uno dei tanti che è cresciuto a pane e videocassette, a ripetizione. Volente o nolente ho memorizzato un sacco di cartoni animati e ho cominciato a imitare le voci che venivano dallo schermo. Diventando più grandicello ho imparato molte cose sul cinema, sull’animazione e sul doppiaggio, tutto grazie a internet. Sempre grazie alla rete nel corso degli anni ho acquisito una padronanza della lingua inglese (innescata dalla musica dei Beatles) che mi permette di comprendere e farmi comprendere da madrelingua senza difficoltà. Laurel e Hardy, Peter Sellers, Mel Blanc, Orson Welles, i Monty Python, questi e tanti altri ancora gli attori, personaggi e miti che ho “studiato” per affinare le mie competenze linguistiche, e che mi sono sempre divertito a imitare.

Da qualche tempo mi sono inoltre unito a una compagnia teatrale dialettale, perché penso sia una esperienza divertente oltre che formativa.

Posso confermare che la tua conoscenza della lingua inglese è veramente notevole per uno che, diciamo così, “si è fatto da solo”. Adesso siamo al casting dei doppiatori e ne hai già trovati di fantastici, cos’altro sta accadendo “dietro le quinte”?

In questo momento il copione è in fase di perfezionamento: l’adattamento dei dialoghi (canzoni incluse) è stato completato nell’estate del 2010 e, adesso che non è più confinato alla mia cartella documenti ma è giunta l’ora che degli umani si mettano davanti ai microfoni e recitino le battute che ho tradotto, si sta rivedendo e correggendo (ove necessario) per fare in modo che sia tutto più scorrevole e orecchiabile.

Ai tuoi doppiatori sarà concessa una qualche flessibilità di interpretazione?

Mi affido alle loro competenze interpretative. L’idea, come in ogni doppiaggio che si rispetti, è di tentare di replicare le interpretazioni degli attori originari. Se riusciamo ad aggiungere qualcosa di nostro ovviamente dovrà far(ci) ridere e sarà sempre rispettando le intenzioni del testo.

Quale ruolo hai tu nel doppiaggio?

Io prenderò i ruoli che sono stati di Graham Chapman, ovvero Re Artù, Dio e una delle teste del Cavaliere a Tre Teste. Oltre a provare a fare il doppiatore mi improvviserò direttore del doppiaggio.

Ovviamente non tutti quelli che hanno inviato i loro provini sono stati scelti, vuoi approfittare dell’occasione e spiegare qui le motivazioni?

Ho sentito tante voci, e ho scelto quelle che ritenevo adatte a questo progetto. Uno dei punti chiave del progetto “Holy Fandub”, sopra il quale ho voluto mettere l’accento perché ritengo avvicini questo lavoro a un qualcosa di “legittimo”, è il voler usare tanti doppiatori quanti sono i Python. I personaggi interpretati da ogni attore sono più di uno e l’idea è di farli doppiare tutti dalla stessa voce (cosa che spesso neanche succede nei doppiaggi ufficiali). E’ giocoforza che insieme all’abilità interpretativa voglio che le voci non siano “scollate” su ogni attore e quindi devo scegliere quelle che ritengo più vicine, timbricamente parlando, a quelle dei Python. Perciò sono stato costretto, in molti casi, a declinare provini di gente davvero brava, che però non ritenevo fosse in linea con quello che mi sono prefissato per questo progetto di ridoppiaggio. Tra parentesi, i provini continuano ad arrivare e se c’è qualcuno al quale o alla quale non ho risposto, chiedo venia ma come immaginerete le cose da fare sono tante, spesso mi trovo a desiderare che le giornate contengano più di 24 ore. One can dream…

A che punto è il casting dei doppiatori?

Per quanto riguarda il cast principale dei sei attori siamo a buon punto, per quanto riguarda i ruoli secondari i posti sono ancora vacanti.

Molti si sono chiesti come faremo con la traccia audio? Come isolare le voci etc… vorresti chiarire le tue intenzioni riguardo alla parte sonora del film?

Una parte del lavoro che mi darà soddisfazione, credo, sarà proprio quella del missaggio. Tenterò di ricostruire la colonna sonora del film. Nelle parti senza dialogo, inutile dirlo, verrà lasciata quella originale; nelle parti con i dialoghi si ricorrerà a una ricostruzione partendo da elementi del mix 5.1 del film e integrando con del foley dove necessario.

Cosa possiamo aspettarci riguardo la qualità interpretativa del prodotto finale? Questa era una delle preoccupazioni di alcuni che si sono interessati ai provini. Sai che la parola “fandub” spesso non ha connotati positivi.

Le persone scelte finora sono degli ottimi interpreti e confido di trovare gente altrettanto brava per i ruoli che ci mancano. Conoscendo il film in inglese quasi a memoria so benissimo quali note dovrà suonare la banda, spero solo di essere un buon direttore d’orchestra.

Hai già qualche idea sul tipo di distribuzione? Questa è un’altra domanda frequente.

Credo che l’idea migliore sia di distribuire la sola traccia audio, sincronizzata col film per chi se la vuole montare sul dvd ufficiale. Oggigiorno con i software gratuiti a disposizione è un gioco da ragazzi. Può darsi che si possa preparare anche un master video per chi vuole vedere il film e basta, vedremo. 😉
Per ora questa è la mia risposta ufficiale in merito.

E’ la prima volta che viene realizzato un progetto simile in Italia?

Ammetto la mia ignoranza al riguardo. So che ci sono molti fandub in giro, questo è certo. Non so quanti sono quelli che, come nel mio caso, decidono di ignorare completamente l’adattamento originale e di partire daccapo.  D’altro canto, quanti sono i film che al doppiaggio hanno avuto la sfortuna di ricevere un trattamento tanto schifoso?

C’è sempre Flash Gordon e L’Uomo che Fuggì dal Futuro, ma ammetto che a livello di stravolgimento per ora Monty Python rimane imbattuto.
Sulla traduzione non mi sento di farti rivelare troppo al momento ma hai voglia di svelare qualcosa in particolare? Un mio lettore domandava: quali sono state le difficoltà maggiori? Le traduzioni sono letterali oppure no? Come sarà l’adattamento?

Ho avuto qualche difficoltà nella ricerca del linguaggio. Non solo volevo evitare che fosse evidente dai dialoghi che questo era un prodotto realizzato a oltre 30 anni di distanza, ma ho anche cercato di pensare a costruzioni grammaticali e termini che fossero “arcaicizzanti”, che dessero l’idea del medievale, senza dover ricorrere a un “volgare” in stile Brancaleone. Il tutto, ovviamente, deve filare come gli ingranaggi di un orologio, le battute non devono essere troppo corte o troppo lunghe per il labiale, si deve evitare la cacofonia… E’ un lavoro delicato, e non invidio traduttori, adattatori e dialoghisti che sono costretti a fare questo ed altro in tempi spaventosamente corti, oggigiorno.

Riguardo alla mia collaborazione, sai che sono un cane come attore ma comunque mi fa piacere reclamizzare questo progetto sul mio blog (che al momento è anche “sede” ufficiale di questo progetto) e soprattutto prendervi parte, anche se soltanto da dietro le quinte. Vuoi spiegare tu il mio ruolo in questa faccenda in modo da non cadere nei miei soliti autoelogi egomaniaci?

Il tuo ruolo è quello di coordinatore generale e soprattutto aiuto per la revisione ultima dei dialoghi, perché come si sa due teste sono meglio di una. Inoltre mi stai dando un grande aiuto nel pubblicizzare il progetto e sei un bravo scopritore di talenti.

Grazie, lo sai che il lavoro di adattamento è quello che più adoro, specie nei casi “difficili” dove c’è da giocare con la lingua italiana e mi diverte molto aiutarti a perfezionare la tua magnum opus.
Hai un’idea di quanto ci vorrà a concludere il progetto?

Ahimé no. La cosa sicura è che, dato che per ovvi motivi non possiamo riunirci tutti in una sola stanza e registrare, ognuno lavorerà coi propri tempi. Non mi azzardo a fare stime quando ancora non è concluso il casting.

Hai altri progetti nel cassetto di cui vuoi parlarci o è meglio tenere questa domanda per la fine del lavoro?

Qualche idea, ma niente che posso avanzare al grado di “castello in aria” ancora.

Infine c’è la domanda di rito… cosa ne pensi di questo mio piccolo blog?

In qualità di pignolo (o “nitpicker”, all’inglese), non posso che condividere le tue frustrazioni riguardo adattamenti mal riusciti, titoli stupidi o inappropriati e così via… tutte cose che disturbano una persona che conosce sia l’inglese che l’italiano e ha una mezza idea di quello che ci si dovrebbe aspettare da una buona traduzione.
Certo, è chiaro che pessuno è nerfetto e questo si applica anche al doppiaggio italiano. Per cui se vediamo castronerie al cinema o in tv, meglio farsi una risata come del resto inviti spesso a fare tu nel blog.

Annunci
3 commenti
  1. lupo alberto permalink

    Ieri sul digitale ho visto un’altra obbrobrio nel telefilm “I robinson”. Claire che dice fa degli esempi di parole con la “c” e dice “canale cinque”. Definitivametne si vede il “lecchinaggio” verso la rete che ha finanziato probabilmente il doppiaggio stesso…..basti pensare al episodio pilota dove Cliff se ne esce con “facciamo contento Berlusconi”. Questi stravolgimenti di un’opera sono un vero e proprio crimine,secondo me….. quindi fate bene a proporre un doppiaggio fedele all’originale. Davvero un’iniziativa carina.

    • Rado il Figo permalink

      C’era una cosa del genere anche in Hazzard, dove in una puntata i protagonisti dicevano di sintonizzarsi tutti sul “Canale Cinque” (se non ricordo male, era una frequenza radio su cui comunicare liberamente).

      Più che lecchinaggio, lo chiamerei “pubblicità occulta” (che poi tanto occulta non è).

    • Prima o poi ne parlerò di quelle “perle” dei Robinson.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...