Skip to content

Intervista con il doppiatore Luca Dal Fabbro

by su 22 luglio 2012

Evit: Luca, tu sei la voce ufficiale di Steve Buscemi, me lo confermi?

Luca: Diciamo che sono io quello che lo ha doppiato più volte. Ormai non esiste più la voce ufficiale. Normalmente, se un direttore è intelligente tende a conservare la voce che meglio aderisce a quella originale. Ma ci sono i direttori creativi che vogliono inventare il doppiaggio e cercano soluzioni strane. Il termine stesso “doppiaggio” dovrebbe far capire che bisognerebbe essere il più vicino possibile all’originale, cercare di restituire l’opera il più fedele possibile all’originale, ma molti direttori hanno velleità artistiche e vogliono riscrivere il film, sconvolgendo l’originale. C’è stato un capo edizione di un’importante casa cinematografica che non voleva la mia voce su un personaggio di un cartone doppiato da Steve Buscemi e l’ha cambiata. Risultato: ho dovuto ridoppiare il film in colonna separata.

Cartone, cartone… parliamo dei Simpson per caso?

No, parliamo de: “La tela di Carlotta”.

Mi racconti come hai ottenuto il ruolo di doppiatore di Steve Buscemi?

Una ventina di anni fa insieme a dei colleghi abbiamo creato la “Cast doppiaggio” (ora siamo quasi tutti usciti dalla società) e fra i primi film che ci vennero assegnati ci fu “Reservoir dogs” di Quentin Tarantino (allora sconosciuto) e Carlo Valli, che faceva il direttore del film, mi scelse per doppiare “Mister Pink”. La scelta piacque molto e da allora l’ho doppiato in tanti film.

Lasciami ribadire come tu sia stato il doppiatore più adatto per Buscemi che le orecchie italiane abbiamo mai sentito e speriamo che tornerai ad esserlo sempre in futuro. A proposito, hai mai incontrato Steve Buscemi?

Sì, l’ho incontrato, anzi ha voluto lui conoscermi per ringraziarmi del lavoro fatto, in occasione della presentazione in Italia del suo film “An interview”.Persona splendida, carina, semplice, cordiale e che si rende conto dell’importanza che assume il doppiaggio, soprattutto nei film dove il dialogo è preminente.

E’ un riguardo che hanno tanti attori americani oppure non in molti dimostrano tale sensibilità?

No, non tutti gli attori americani sono cosi gentili e disponibili, anche se in linea di massima hanno molta stima dei doppiatori italiani.

Quando doppi Buscemi cerchi di imitarlo oppure lo reinterpreti a modo tuo? Te lo chiedo perché conoscendo bene la voce di Buscemi in inglese mi sono sempre stupito di come sia praticamente “equivalente” in italiano.

Io sono fautore del doppiaggio. Per me è fondamentale cercare di rifare al meglio il “suono” dell’originale. Per questo, al contrario di tanti miei colleghi, ascolto più volte l’originale. Se l’attore è bravo, basta andargli dietro ed il gioco è fatto.

E noi tutti ti ringraziamo per questo. Vuoi raccontarmi cosa è accaduto nel caso di Boardwalk Empire?

Niente di particolare, semplicemente non sono stato contattato. La direttrice del doppiaggio voleva una voce più calda, più da capo (io non sapevo che esistessero le voci da capo ma che fosse sufficiente fare la voce da capo. Siamo attori, no?

Questa è la stessa cosa che ha fatto innervosire me e di cui parlavo nel mio articolo in merito… se in originale Buscemi parla con la sua solita voce, e la tua interpretazione di Buscemi è equivalente… perché ricercare una voce “da capo”? Non ha alcun senso. Io spero di non essere stato il solo a lagnarsene. Te ne sei lamentato?

Io non ho fatto nessuna rimostranza, non è nel mio carattere. Avevo anche pensato di chiamare Buscemi, ma poi ho soprasseduto.
La giustificazione che dà questa signora (la direttrice di doppiaggio) a chi le ha chiesto il perché del cambiamento è questa: “Sai, è un capo un protagonista, bisogna mettergli una voce affascinante”. La signora in questione che evidentemente mastica poco di recitazione pensa che il fascino stia nel timbro e non nel modo in cui viene usata la voce! Comunque la cosa che mi ha ferito, non è la scelta della direttrice (che ha solo dimostrato di non essere una persona intelligente), ma il comportamento del collega che davanti faceva tutto l’amico e poi… come si dice “Il peggio non è mai morto”!

Capisco. Ti ringrazio per la spiegazione.
Ho un paio di piccole curiosità… Avevi un piccolo ruolo nel film “Un Mitico Viaggio”, con Keanu Reeves. Te ne ricordi?

Sinceramente non ricordo il film.

Peccato, volevo chiederti del perché questo film, che è il seguito di “Bill & Ted Excellent Adventure”, sia stato doppiato mentre il primo rimane inedito in Italia.

Anche a questa domanda non so risponderti.

Ricordo la tua voce associata anche ad uno dei tre hacker nella serie X-Files, il capellone biondo se non sbaglio.

Verissimo

Ed è tua la voce narrante della serie documentaristica “non lo sapevo” su Cielo?

Non ho mai visto o sentito di questa serie, non mi sembra, ma posso sbagliare. Facciamo tante cose, chissà.

Ho letto che lavori anche agli adattamenti dei dialoghi. Ti piace più doppiare o adattare? Come è iniziato il tuo lavoro come adattatore?

Mi è sempre piaciuto scrivere. E facendo l’attore, ho dimistichezza con le battute. Il passo è stato facile. Adattare i dialoghi per un film o altro è il lavoro più faticoso e difficile (se uno vuole farlo bene) nel nostro campo. Quindi , sicuramente preferisco stare in sala, al leggio, che chiuso in casa, solo, davanti al computer. Recitare scarica, dici le tue quattro stronzate e tanti saluti. Adattare, se sei serio, è una continua ricerca della frase migliore, del sync (il movimento delle labbra), quindi ti porti il lavoro ovunque (perfino al cesso)! E non sei mai soddisfatto al cento per cento.

Me ne rendo perfettamente conto! Sai che insieme ad un mio lettore e collaboratore stiamo al momento lavorando ad un ridoppiaggio di Monty Python e il Sacro Graal che sia fedele all’originale? Questo per ovviare alla carenza di un “vero” doppiaggio, dato che l’originale è stato vittima di un adattamento che oserei definire “volgare”. Abbiamo già dei fantastici doppiatori ma soprattutto un favoloso copione e a breve inizierà il doppiaggio vero e proprio. L’idea è quella di realizzare un doppiaggio che non abbia niente da invidiare a quelli professionali degli anni ’70-’80. Se ti interessa ti terremo aggiornato in merito.

Certo che mi interessa, fatemi sapere.

Chi adatta i film ha un ruolo nella scelta del titolo italiano con cui questo verrà distribuito? Avrai notato che nel blog parlo di “titoli italioti“. La scelta (e spesso l’alterazione) dei titoli originali è frequentemente giustificata dal tentativo di adattamento culturale ma molte altre volte appare gratuita ed insensata (quando non volutamente ingannevole). In merito a ciò, spesso mi accanisco contro i distributori cinematografici italiani dandogli la colpa di tutto ma chi realmente ha l’ultima parola sulla scelta di un titolo? E quanto influisce la scelta di mercato sulla scelta di un titolo?

L’adattatore fa una proposta di titoli che poi vengono vagliati dal cliente (case cinematografiche, rai, mediaset, fox, ecc.), e poi la grande decisione viene presa dai creativi del marketing. Normalmente si tende a conservare il titolo originale. Quando in italiano la semplice traduzione non suona bene si cercano altre strade (a volte con successo, altre no). Ci sono casi, in passato, di ottimi titoli (“High noon” uscito in Italia col titolo “Mezzogiorno di fuoco”. Stilisticamente più bello ed accattivante). I dialoghi sono il grande scoglio del doppiaggio. Non esiste una lingua italiana parlata, per dare forza ed efficacia ad una frase o per marcare le differenze sociali, avremmo bisogno di ricorrere ai dialetti, cosa che ci è categoricamente proibita, quindi dobbiamo usare quelle poche espressioni gergali che sono comuni un po’ in tutta Italia. Purtroppo c’è anche da dire che i dialoghi spesso finiscono in mano a mogli di direttori frustrate, figli che non riescono a combinare niente, parenti, amanti e via così. (Berlusconi docet). Gente che spesso ha poca familiarietà con la nostra lingua e che quindi si limita ad una traduzione più o meno arrangiata dell’originale. Lasciando spesso la costruzione della lingua originale senza metterla in italiano, esempio: “Hai lavato le tue mani?” invece di “Ti sei lavato le mani?”. Per arrivare al paradosso “Piovono cani e gatti”, perché è la traduzione pedissequa dell’inglese. L’errore che noi facciamo è correggere in sala questi errori, mandando avanti gente incapace ma raccomandata e lasciando a casa persone che sanno fare il proprio lavoro.

Mi racconti di cose che neanche avrei immaginato, mi vengono i brividi solo a pensarci. A proposito di raccomandati, accetti raccomandazioni per doppiatori/adattatori?😉
No, parlando seriamente, bisogna vivere necessariamente a Roma per lavorare come adattatore?

Non bisogna vivere necessariamente a Roma una volta che hai una continuità lavorativa, ma i primi tempi è fondamentale, per trovare e seguire i contatti.

Quali sono i passaggi chiave che portano ad un film doppiato? Dovrebbe esserci prima di tutto un adattamento dei testi da parte di linguisti vero? Come prosegue il lavoro e soprattutto in quale fase nascono la maggior parte delle “magagne”? (es. scalpel tradotto come scalpello invece che bisturi, alterazione di concetti etc…).

E’ proprio il dialogo, lo scoglio, dove nascono le magagne. Un dialogo, fluido, ben scritto diventa facile da recitare e l’attore può concentrarsi sul come dire le battute, con un brutto dialogo tutto diventa difficile. Quindi, fondamentale rivolgersi ad un buon traduttore, che renda in italiano quelle che sono le espressioni dell’originale dopodichè dare la traduzione ad un buon dialoghista. La fase successiva è quella della distribuzione, cioè assegnare ad ogni personaggio la voce giusta.Se tutto questo viene rispettato la garanzia di un buon doppiaggio è garantita.

Non vi secca lavorare alle volte su film di ultima scelta con attori che recitano da cani e che sapete essere destinati ad ore antelucane su canali regionali? A volte si vedono certi film scadenti e giustamente sconosciuti e viene da pensare “poveri doppiatori, impegnati in tale porcheria mentre ci sono capolavori che tutt’oggi non sono stati ancora doppiati”.

Anche i brutti film (e i pessimi attori) per noi sono lavoro, e il lavoro va sempre fatto al meglio. Un brutto film o un attore cane, non si salvano col doppiaggio, ma un bel film può essere rovinato da un brutto doppiaggio!

Cosa ne pensi dei ridoppiaggi? (ovvero la distribuzione di film con nuove voci che vanno a sostituire i doppiaggi cosiddetti “storici”) Perchè questo avviene?

I film vengono ridoppiati perché chi possiede i diritti del doppiaggio non vuole cederli ed allora si è costretti a ridoppiare il film per poterlo utilizzare.

I diritti sulla traccia audio di un film sono separati dai diritti di distribuzione del film stesso?

Quello dei diritti è un mondo molto complesso. A volte le colonne (il doppiaggio italiano) sono del distributore a volte dei produttori del film.

Concordi con la sensazione diffusa che la qualità dei doppiaggi stia calando? E’ colpa delle esigenze di mercato che spingono a lavorare troppo in fretta e a basso costo o ci sono altri motivi?

Concordo in pieno. Il livello del doppiaggio si è abbassato sicuramente per il continuo abbassamento dei prezzi e la concorrenza spietata di società senza scrupoli che pur di accaparrarsi il lavoro fanno di tutto, ma anche per il poco amore che viene messo nel farlo. Non c’è più la possibilità di curare il prodotto(molto per colpa nostra che non ci siamo saputi far rispettare, un po’ per tanti improvvisati che dirigono senza sapere veramente quello che fanno e che non sono in grado di dirigere gli attori e molto per i giovani, che spesso nascono dal doppiaggio e che conoscono solo intonazioni stereotipate.

Mi capita spesso di vedere cartelli pubblicitari che propongono corsi di doppiaggio professionali. Hai qualche collega che viene da queste scuole o sono soltanto una perdita di tempo e soldi?

Adesso che è difficile, per motivi di tempo, poter crescere un doppiatore, le scuole di doppiaggio possono aiutare a migliorare le qualità tecniche, ma non ti possono insegnare a recitare. Attenti che molte rubano i soldi. Controllare bene chi sono i docenti dei corsi. L’unico corso che ha sfornato buoni doppiatori è stato quello in collaborazione con la regione dal quale sono usciti: Anna Cesareni, Massimo Corvo, Massimo Lodolo ed altri che adesso non ricordo.

E’ vero che i doppiatori migliori vengono dal teatro?

Sì, se uno viene dal teatro sicuramente ha più dimistichezza col lavoro dell’attore, ha più tecnica, sa ridere, è più abituato a cercare l’intonazione ed è pronto al sacrificio, a sudare per arrivare ad una giusta intonazione. Quello che è solo doppiatore non ama faticare, si appoggia sulla voce e tanti saluti.

Infine, hai già avuto modo di dare un’occhiata più approfondita al mio blog?

No, ma lo farò al più presto e ti farò sapere.

Attendo con gioia un tuo parere😉

C’è una qualche tua foto in particolare che potrei usare o mi autorizzi a pescare volgarmente da google images senza problemi?
Ti autorizzo a pescare dove ti pare!
13 commenti
  1. Fibrottolo permalink

    Bellissima intervista e davvero complimenti a Dal Fabbro
    Una cosa che rammarica tantissimo e vedere la cura e la dedizione per il proprio lavoro di doppiatori professionisti così, e al contempo il dilagare di doppiaggi sempre peggiori e doppiatori sempre più improvvisati.

  2. Intervista interessante! Il doppiaggio ha molta importanza, anche se almeno un film in lingua inglese è sempre meglio vederlo in lingua originale (anche se ci sono dei casi in cui il doppiaggio è meglio dell’originale, almeno come timbro)……
    Weh! ti ricordi di me, di quando eravamo su Splinder?
    Ora sono su Blogspot…….
    Buonanotte!

  3. Maldesi avrebbe agito come la direttrice del doppiaggio di “Boardwalk Empire”: avrebbe cercato di trovare la voce che naturalmente si avvicina di più al personaggio da doppiare. Il motivo di questa decisione era che:
    -permette di dare una voce naturale e realistica ai personaggi (basti pensare alle voci di Guerre Stellari, che rispecchiano molto i rispettivi personaggi, per rendersi conto dei risultati positivi di questo metodo).
    -il doppiaggio deve essere fatto in tempi brevi e, quindi, non è possibile far studiare al doppiatore la voce da ottenere per tre mesi, come in teatro;

    In ogni caso, congratulazioni per il blog, Evit! E’ sempre interessante conoscere i tuoi pareri sul doppiaggio, e divertente leggere le tue battute.

    • Ma che ne sai di come avrebbe agito Maldesi? Lavati la bocca col sapone!
      E che c’entrano i confronti con Guerre Stellari?

      E infine… grazie per i complimenti.

    • In questo momento mi sto lavando la bocca con il sapone, tranquillo xd. Spero che tu non mi abbia frainteso: non volevo offendere nessuno. E’ ovvio che non posso prevedere che scelta avrebbe fatto Maldesi, non intendevo dire questo. Posso dire che non sarebbe stato inusuale per lui cambiare doppiatore in base al ruolo del personaggio: in un’intervista per ilmondodeidoppiatori.it, Maldesi ha spiegato che, quando era direttore del doppiaggio, sceglieva i doppiatori in base al personaggio, non all’attore, e la voce doveva poter rispecchiare il personaggio.
      Se la mia risposta ti ha incuriosito o non hai visto l’intervista, puoi ascoltare Maldesi stesso parlarne a questo link: https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=9SraqxQlacg
      dal minuto 0.00.25 al minuto 0.07.00
      dal minuto 0.54.00 al minuto 0.55.22

    • Inusuale no ma questo caso è veramente ingiustificabile. La voce non si adatta neanche bene al volto e al personaggio (come già si sono lamentati molti fan), inoltre come dicevo in un altro articolo, Dal Fabbro ha dimostrato di saper fare anche interpretazioni diverse e più profonde del solo “violino più piccolo del mondo che suona solo per le cameriere”. Vedi “la congiura della pietra nera” dove interpreta il “cattivo”, un personaggio oscuro e incappucciato.
      Come diceva Luca, i doppiatori sono attori prima di tutto.

    • Pardon, una piccola correzione: è 0.05.25, non 0.00.25

  4. Antonio L. permalink

    Di recente ho conosciuto un attore di teatro e cinema non famoso. Abbiamo discusso su un argomento che mi sta molto a cuore. Sosteneva che i doppiatori “puri” cioè quelli che fanno praticamente solo doppiaggio non sono attori perché secondo lui l’attore va sul palco oppure sul set e utilizza corpo e voce. Poi ha detto che molti doppiatori hanno fatto film pessimi e per questo sono da considerarsi “scarsi” come attori. Ho cercato di spiegargli che un doppiatore solo perché non lo vedi non vuol dire che non utilizzi il corpo e che nelle sale di doppiaggio ci sono attori migliori di quelli che spesso si vedono nel nostro cinema. Non c’è stato verso di convincerlo, per lui il doppiatore non è attore. Purtroppo esiste questo pregiudizio anche tra gli attori oltre che tra gli spettatori.

    • Forse il pregiudizio è più da parte degli attori che degli spettatori. Trovo l’argomentazione di questo attore abbastanza da paraocchi.

Trackbacks & Pingbacks

  1. La Congiura della Pietra Nera… con sorpresa « Doppiaggi italioti
  2. Direct to schifio – L’uscita italiana di “The Raid – Redenzione” | Doppiaggi italioti
  3. Intervista a Edoardo Stoppacciaro | Doppiaggi italioti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...