Skip to content

Prometheus – il dopo sbornia

by su 25 ottobre 2012

Innanzitutto una domanda: avete già letto la mia recensione del film che pubblicai a giugno? No? Ciò che dissi in quella sede è ancora valido, c’è solo da aggiungere qualcosina in più, alcune considerazioni che emergono dopo una seconda e terza visione e che riguardano la trama. Se non avete ancora letto quella recensione correte a farlo adesso perché qualcuno l’ha addirittura definita…

😉

Invece il domandone dell’anno che in molti mi pongono è: allora, com’era Prometheus?

Di solito non rispondo, rido beffardo e cambio argomento. Vedrete che anche in questa sede non risponderò personalmente. E’ come se qualcuno mi chiedesse “perché non credi in Dio?”… io penso “da dove incominciare?”.
Dire che è un brutto film sarebbe una menzogna. Dire che è un film bellissimo sarebbe anche questa una menzogna. La verità sta nel mezzo, è bello e brutto allo stesso tempo (in merito a questo tema non perdetevi questa perla: PROMETHEUS Vs IL CONTE DI MONTECRISTO sul blog Nerds’ Revenge). Il brutto non è così brutto da sciupare completamente il bello e il bello non è così bello da nascondere efficacemente il brutto. Si apprezzano determinate cose, si soffre per altre.

Il problema è la trama ovviamente (vi avevo detto nella mia famosa recensione che la trama sarebbe tornata a tormentarmi… e infatti). Parlerei per ore lamentandomi della trama quindi con un’astuta mossa padronale evito di perdere tempo e vi lascio con l’email che il mio amico Fibrizio mi inviò dopo aver visto il film e nella quale espresse molto bene (o almeno in maniera più sintetica di quanto farei io) lo stato delle cose:

Alla fine ieri sera sono andato a vedere Prometheus alla modica cifra di 6,20€ e non era nemmeno in 3D (ed era mercoledì! alla faccia dello sconto).
Alcune cose mi sono piaciute molto e visivamente era molto bello. Vedendolo certe critiche alla fine le ho trovate un po’ forzate, tipo il finto-vecchio-Weyland che non era piaciuto ai più, mentre non ci stava così male, anzi! Chissà che cure ossessive si era fatto per arrivare ad avere quell’aspetto orrendo (tant’è che sembrava tanto un Berlusconi del futuro, pieno di soldi e senza voglia di andarsene). Alla fine persino il geologo-abbestia poteva passare, si vede che nel futuro la geologia è roba per figli-di-papà strafatti che sono interessati solo ai soldi (o all’oro magari).
Purtroppo però la trama faceva acqua da tutte le parti e il fatto che ci fosse un tema a cui indottrinarci la rendeva insopportabile (e varrebbe per qualsiasi tema, anche se non fosse stato religioso), acuendo così il senso critico.
In tutto e per tutto mi ricordava Contact: tutte le domande che ti sorgono sono sarcastiche e poche sono di autentica curiosità, e poi c’era questo mal riuscito tema della fede, reiterato fino al ridicolo.
Un vero peccato, perché altre idee erano stupende (ma è anche vero che discendono direttamente da Alien, per cui nulla di nuovo all’orizzonte): tipo le astronavi aliene, le loro tute e la tecnologia aliena (il flauto per manovrare la nave era fascinoso a dir poco), e perfino il Voldemort-culturista dell’inizio era bellino (si erano sacrificati per diffondere la vita, e poi in stile Ra [cit. Stargate] hanno deciso di distruggerla? Insomma qui il tema sarebbe ricchissimo di domande, peccato che nel film nessuno se ne preoccupi).
Infine la conclusione m’era parsa un po’ tirata via, tanto che lascia proprio l’amaro in bocca.
Per fortuna è costato “solo” 6,20€…

=================================

Rimane comunque un film che si lascia guardare (me lo sono pur visto tre volte e lo rivedrò certamente in futuro), esteticamente affascinante e indubbiamente un nuovo punto di riferimento per il cinema di fantascienza sotto molti punti di vista. Insomma non è Battleship! Tantissime idee erano buone, molte altre seppur interessanti sono state sprecate purtroppo. Se solo avesse avuto dei migliori sceneggiatori sarebbe stato una nuova pietra miliare di Ridley Scott, invece rimane soltanto l’impressione di un’occasione mancata per un film che poteva essere un vero capolavoro.

Un’ultima considerazione scritta qualche settimana addietro e che non c’entra niente… mentre qui Prometheus è al cinema, nel Regno Unito esce il Blu-ray con una cofanata di scene aggiuntive (inclusi una versione alternativa dell’inizio ed un finale esteso)… bello no? E pensare che io ancora non l’ho visto in italiano.

Annunci
5 commenti
  1. Rado il Figo permalink

    il flauto per manovrare la nave era fascinoso a dir poco

    Ricordo male (e può essere) ma non era presente un qualcosa del genere in un film di Bava padre (Paura nello spazio profondo, mi pare)?

    • Intendi “Terrore nello spazio (profondo)”? Quello famoso per il vermone che stupra una donna mi pare…
      Forse ti interesserà dare un’occhiata a questo forum http://alienepredatoritalia.forumfree.it/?t=62180660
      Non avendolo mai visto (ancora) non saprei dirti se ci sono flauti nel film ma ora che ne parli sono ancora più tentato dall’andarmelo a ricercare.

  2. fibrizio permalink

    Sul flauto non saprei, ma anche se non fosse originale in quel contesto ci stava proprio bene. poi onestamente non avrei incentrato il tema sulla scoperta in se, piuttosto su un post-scoperta come aliens. Perché quello della scoperta è in generale un tema difficilissimo da trattare senza scadere nel banale, per non dire ridicolo, come atterrare né più né meno che alla base area del pianeta. un po’ come arrivare sulla terra e capitare per puro caso proprio sul pentagono.

Trackbacks & Pingbacks

  1. Full Metal Jacket… con quella frase alterata da spararsi in bocca! | Doppiaggi italioti
  2. Un po’ di aggiornamenti | Doppiaggi italioti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...