Skip to content

Altri 5 attori che la voce dei nostri doppiatori se la sognano

by su 12 maggio 2014

paveseInizio con una nota particolare su Paila Pavese.
Paila Pavese sembra la voce perfetta per chiunque lei doppi, che sia Kim Basinger in Batman, Karen Allen nei Predatori dell’Arca Perduta, Sigourney Weaver in Gorilla nella Nebbia o Kathleen Turner (Jessica Rabbit) in Chi Ha Incastrato Roger Rabbit?.
In generale sembra essere particolarmente adatta nei ruoli della “damigella in pericolo”, riuscendo però a conferire ai suoi personaggi sia un senso di fragilità che di forza e sensualità (laddove necessaria). E’ un peccato che non abbia mai avuto ruoli stabili nel doppiaggio, bensì la troviamo spesso soltanto come una sorta di doppiatrice “jolly”, forse in sostituzione di altre colleghe di ruolo ma più probabilmente per via del teatro che le impegna molto tempo (e che sembra essere la sua attività principale).
Mi piacerebbe sentirla più spesso e secondo me, a partire dagli anni ’80 avrebbe avuto tutte le carte in regola per diventare la doppiatrice ufficiale di almeno un paio di attrici americane famose.

Detto questo, veniamo ai prossimi cinque attori che in italiano sono migliorati dai nostri doppiatori. Trattasi di un sèguito del precedente articolo 5 attori americani che la voce dei nostri doppiatori se la sognano…:

1) John Travolta – Claudio Sorrentino

Travolta - Sorrentino

Eddaisù Johnny, nu’ piàgne! Ti sistemiamo noi in italiano… così passi pure per bravo attore… e no’ da altro!

Sicuramente molti di voi non ricorderanno che, prima di Pulp Fiction, la carriera di Travolta era praticamente nel cesso! Il pilota scientologo John Travolta era ormai un attore largamente dimenticato. Ne era ben cosciente anche lui mentre firmava un contratto per “Senti chi parla adesso“, il terzo film di una serie che, ci tengo precisare, in Italia è solo famosa grazie ai comici nostrani che davano la voce ai bambini e proprio i bambini erano il pubblico principale di questi film. Quello accadeva nel 1993, ma anche prima di “Senti Chi Parla” del 1989 c’era praticamente un vuoto di 10 anni di filmacci e filmetti, incluso il seguito de’ “La Febbre del Sabato Sera” intitolato “Staying Alive” e diretto da Sylvester Stallone il quale, una mattina del 1983, avrà chiamato l’amico Travolta dicendogli: “yo Johnny, do you want to make some quick cash?“. Uno può anche dare colpa a Scientology ma non credo che una setta possa trasformarti in un scarpa di attore se già non lo eri prima… eppure mi era piaciuto tanto in La Febbre del Sabato Sera… ma, a ben pensarci, mi era piaciuto in italiano.
In America molti comici famosi su YouTube che magari non conoscete (come Spoony, The Cinema Snob e The Nostalgia Critic) sono  ormai molti anni che lo prendono in giro… e a buon ragione! Perché in Italia non ce ne siamo mai resi conto? E’ semplice, per via di Claudio Sorrentino.
Come esempio negativo sceglierò un film sconosciuto in Italia e conosciuto in America solo per gli sfottò che gli fanno: Battaglia per la terra (Battlefield Earth, del 2000), 2,4/10 su IMDb. Il film è diventato famoso in particolare per una frase recitata in maniera ridicola da Travolta: “while you were still learning to SPELL YOUR NAME, I was being trained to CONQUER GALAXIES!!!” [nel video troverete prima la traccia inglese e poi quella italiana]. Inutile dire che, a confronto, Sorrentino sarebbe da Oscar, riuscendo difatti a non far risultare per niente ridicola la scena, nonostante le gestualità dell’attore.

Curiosità: in La Febbre del Sabato Sera, Claudio Sorrentino non doppiava Travolta, bensì uno dei suoi amici, Bobby (quello che poi fa il salto dal ponte di Verrazzano). Il doppiatore di Travolta in quel film era invece Flavio Bucci che qualcuno potrebbe ricordare nei panni del prete-brigante nel Marchese del Grillo. La sua caratterizzazione del personaggio era abbastanza simile a quella di Sorrentino che invece avrebbe ridoppiato Travolta per la versione DVD del film (si, un ridoppiaggio).

2) Jean-Claude Van Damme – Francesco Pannofino

Jean-Claude Van Damme

Tra i suggerimenti emersi nei commenti al precedente articolo c’era lui, Jean-Claude Van Damme, di cui avevo visto soltanto un paio di film in italiano ma non avevo mai sentito in inglese, eccetto che per una recente serie di ridicole pubblicità britanniche per la birra Coors Light dove l’atleta, ormai invecchiato, spara battute e potrebbe ricordare un Rocco Siffredi che in Italia sponsorizza le patatine (ve li immaginate questi due ad una festa? Uno porta la birra, l’altro le patatine).
Ebbene sono andato alla ricerca di alcuni tra i film più rappresentativi di Van Damme (una ricerca che mi ha rammentato tutti i motivi per cui non sopporto questo atleta-attore, atlettore) e ho notato soltanto una recitazione che ha un po’ della piattezza di Steven Seagal e un po’ della pacchianerìa di Sylvester Stallone… riassume cioè il peggio di altri due attori.
Van Damme stesso ha ammesso “ero un pessimo attore“:

“I was a bad actor, man, but the heart was there.”

(parafrasando: “boia! Come attore ero pessimo… ma ci mettevo il cuore”)

C’è veramente poco da dire, tutti i suoi doppiatori lo hanno migliorato, con Pannofino in cima alla lista dato che lo ha doppiato più spesso e in molti dei film più noti (nel bene o nel male).

3) Kevin Costner – Michele Gammino

Costner - Gammino
Avevo già detto che Gammino migliora qualsiasi attore e non è un caso che figuri per la seconda volta in queste mie liste. Alcuni degli attori doppiati da Gammino sono già molto bravi e memorabili in lingua originale (es. Harrison Ford, Bob Hoskins), altri attori invece, come ad esempio Steven Seagal di cui ho parlato in precedenza, ma anche molti altri, possono e devono essere migliorati perché altrimenti non risulterebbero “vendibili” sul mercato italiano. Tra questi figura Kevin Costner che, nonostante sia riconosciuto e pluripremiato come regista, come attore invece ha vinto tanti di quei “razzies” che non capisco neanche come possa essere rimasto nell’olimpo degli strapagati per tutti gli anni ’90.
Costner mi è stato portato all’attenzione dai vostri commenti nel precedente articolo e onestamente non lo avevo mai visto molto in inglese ma, per Diana, sono bastate un paio di scene su YouTube per capire il perché di tutti quei “trofei pernacchia” come attore… molte delle sue interpretazioni sono spesso piatte e immemorabili. Non è un caso che nella cultura popolare americana Costner abbia una pessima reputazione da attore.
Se siete in grado apprezzare la recitazione in lingua inglese potrete avere un assaggio di Costner in Waterworld da questo link di Youtube, specialmente nelle battute “so can I” seguito da “I got better ones below” che riassumono al meglio la caratteristica piattezza della sua recitazione.
Da italiani potremmo dire… e chi lo avrebbe mai detto? Dopo così tanti film memorabili e lo status da sex-symbol durante tutta la prima metà degli anni ’90, scoprire che Costner sia una mezza scarpa di attore è certamente uno shock! Tale fama in America è indubbiamente un po’ esagerata… ma in gran parte fondata. Il motivo per cui ignoriamo tale caratteristica recitativa di Costner è principalmente Michele Gammino, sua voce ufficiale. Ma con lui anche altri ottimi doppiatori lo hanno reso memorabilmente “bravo”: Luca Ward in Robin Hood, Sergio Di Stefano negli Intoccabili, sono due eccellenti esempi. Ma quando ci immaginiamo Costner che parla ce lo immaginiamo con la voce di Gammino.

Non è solo una questione di recitazione ma anche di accenti verosimili; infatti non bisogna dimenticarci che il doppiaggio, in alcuni casi, trasforma disastrose interpretazioni come quella di Costner in Robin Hood: Prince of Thieves, dove Robin Hood parla con un inspiegabile accento americano, in materiale da primo premio nel nostro paese, dove invece il problema degli accenti non si pone. Grazie al doppiaggio italiano persino attori americani scarsi possono impersonare famosi personaggi britannici. Stessa cosa vale per Braveheart dove il protagonista, Mel Gibson, non è che avesse dato la più credibile delle imitazioni dell’accento scozzese (in Scozia ancora ridono dal 1995). Costner ha vinto un “razzie award” come “peggior attore” proprio per Robin Hood… eppure non lo avreste mai detto giudicandolo soltanto dal doppiaggio italiano. Stessa storia per L’Uomo del Giorno Dopo (The Postman) e molti altri.

4) Michelle Pfeiffer – Emanuela Rossi

Michelle Pfeiffer - Emanuela Rossi

I actually still have this feeling I may get found out. That I really am a bad actor and I’ve just been fooling people all this time.

Michelle Pfeiffer, 2007

(Traduzione: A dire la verità ho ancora il presentimento che qualcuno possa accorgersene, che sono davvero una cattiva attrice e che ho ingannato la gente per tutto questo tempo.)

Non lo sapevate che Michelle Pfeiffer era una cattiva attrice? Ok, niente di catastrofico quando la sentite in lingua originale ma, come molte attrici entrate dalla porta del settore moda, è sempre stata una gatta morta adatta in ben pochi ruoli; tanto per rimanere in tema Batman, nel suo ruolo di Catwoman in Batman Returns, per esempio, la Pfeiffer aveva delle ridicole battute che erano recitate, se possibile, in maniera ancora più ridicola. Questo ruolo è stato “salvato”, almeno nella recitazione, da Rossella Izzo che se non altro riusciva a dire “MIAO!” senza farmi accapponare la pelle per la vergogna, come invece avviene in inglese. [scena in italianoscena in inglese]
Tuttavia Michelle Pfeiffer, in Italia, è più nota con la voce di Emanuela Rossi che potremmo definire la sua doppiatrice “ufficiale”, anzi abituale; Emanuela Rossi l’ha sempre caratterizzata alla perfezione, mai facendomi rimpiangere la voce originale che, vi ricordo, non ha mai vinto un oscar (solo nomination) e se non li ha vinti quando era al top della carriera (tra gli anni ’80 e i ’90) non li vincerà mai! MAI!!!
Tuttavia, c’è da dire che con l’avanzare degli anni Michelle è migliorata molto ma riesce ancora a farmi cascare le palle per la noia e la mancanza di vitalità quando la vedo in una qualsiasi intervista. Non sorprendentemente, è praticamente scomparsa dopo i suoi pochi anni di picco.

Passiamo all’ultimo ma non meno importante…

5) Keanu Reeves – Chiunque lo doppi

keanu

Se non conoscevate Keanu Reeves prima di Matrix del 1999 allora forse non sapete che dalla fine degli anni ’80 alla prima metà dei ’90 il signor Reeves veniva assunto quasi esclusivamente perché avrebbe attirato nelle sale cinematografiche frotte di pubblico adolescenziale femminile. Si fa notare in Le Relazioni Pericolose, ma il suo vero successo comincia l’anno dopo con Bill & Ted’s Excellent Adventure (film mai doppiato in Italia per quanto ne sappia) dove interpreta un tipo di personaggio che per lungo tempo gli sarà difficile scrollarsi di dosso, ovvero lo stereotipo del surfista californiano che dice sempre “whoa!“, il tizio non troppo sveglio ma buono e simpatico, qualche canna di tanto in tanto e torso nudo quando possibile… ciò che in inglese si chiama un “dude” (letto: duuuuuuud’h!), in pratica un giovane Lebowski (per chi ha visto Il Grande Lebowski).

I suoi personaggi, per molti anni a seguire, sono stati praticamente la copia del suo dude di “Bill & Ted” che ritroviamo poi in Parenti, amici e tanti guai (Parenthood), Un mitico viaggio (in originale “Bill & Ted’s bogus journey” sèguito del primo “Bill & Ted” ma che, al contrario del primo, venne doppiato) e Point Break dove interpreta un poliziotto che si infiltra in una banda di surfisti rapinatori di banche (perché chi meglio di lui può interpretare un surfista?); in seguito lo assume quel pervertito di Gus Van Sant che non vedeva l’ora di dargli un ruolo omoerotico insieme ad un altro sex symbol dell’epoca, River Phoenix, coronando così una perversione tutta personale che nei cinema uscirà con il titolo di Belli e dannati (My own private Idaho, 1991).
Nei primi anni ’90 è ormai evidente che Keanu viene assunto solo perché è “il bello che va di moda”, questo spiega come sia possibile che Francis Ford Coppola abbia ingaggiato lui ed un’altra eroina dell’epoca, Winona Ryder, per interpretare due personaggi londinesi: i loro accenti nel film “Dracula” sono ancora oggi fonte di derisione non solo nel Regno Unito ma in tutto il mondo anglosassone al completo, Sud Africa compreso.

Dracula

WHOA gov’nor!

Via via gli vengono assegnati film di un grado di serietà sempre crescente: Speed, Johnny Mnemonic, Reazione a catena, il profumo del mosto selvatico, l’avvocato del diavolo… ma negli occhi degli americani Keanu Reeves è sempre un “dude” che ogni tanto fa un paio di film più seri, perché non importa se Keanu sta disinnescando una bomba sotto ad un autobus oppure se sta trasportando gigabyte di dati nel suo cervello inseguito dalla Yakuza… rimane sempre un DUDE (!) e nel 1998 ne fanno anche una parodia nello sketch “The Keanu Reeves School of Acting“.

Con Matrix (1999), Keanu Reeves diventa effettivamente un attore “mainstream” (scusate la parolaccia) che anche vostra madre comincia a riconoscere e si rivende cambiando anche modo di recitare… dalla recitazione in stile “surfista cannato” subentra un nuovo tipo di recitazione oggi giorno molto comune a Hollywood: il sospirato. Keanu Reeves dal 1999 non recita più, sospira e basta. In un certo senso è proprio l’opposto di ciò che aveva fatto fino a quel momento.

La varietà recitativa di Keanu Reeves dunque è riducibile a due fasi della sua vita: la fase da “surfista”  e la fase “sospirata” (quest’ultima un po’ lo stile di Steven Seagal). Alla luce di questa grande scala interpretativa (comunque Keanu è bravo in quello che fa, solo che non lo vedrete mai in un opera teatrale) non c’è da sorprendersi se vi dico che, praticamente, quasi tutti i doppiatori che lo hanno fatto parlare italiano hanno sempre superato l’originale, in un modo o in un altro.
Difatti dobbiamo un sentito grazie a Sandro Acerbo che ci ha risparmiato la sofferenza di udire l’atroce inglese ottocentesco esibito da Keanu Reeves in Dracula di Francis Ford Coppola (in quanto a recitazione poteva forse essere all’altezza soltanto di un Dracula di Dario Argento); inoltre è grazie a Luca Ward (forse tra i suoi doppiatori più memorabili) che la recitazione post-1999 di Keanu in italiano non si limita soltanto ad un sospirato, grazie Luca! Un grazie anche al fratello, Andrea Ward, che lo ha doppiato in un paio di film (nei suoi anni da “surfista”) e, ultimo ma non meno importante, Francesco Prando! Grazie a lui, in Italia, ignoriamo del tutto il motivo per cui Johnny Mnemonic sia deriso in tutto il mondo anglosassone per una ridicola scena denominata “I WANT ROOM SERVICE!” (“voglio il servizio in camera“) dove Keanu Reeves sbrocca e comincia una futile filippica elencando tutte le cose che gli piacerebbe avere in quel momento, inclusi “club sandwich”, birre messicane alla spina, puttane da $10.000 a notte e camice fresche di lavanderia come sanno farle all’Imperial Hotel (solo a riscrivere queste battute mi viene da ridere). In italiano è addirittura recitata bene! Grazie signor Prando per la sua estrema professionalità anche in film di dubbia riuscita, grazie!
[curiosità: i “club” sandwich non sono altro che sandwich a più strati]

Per me le voci di tutti questi doppiatori si confondono quando penso a Keanu Reeves in italiano… sono tutti bravi e quasi tutti almeno un po’ più bravi di lui. Se solo Keanu Reeves avesse avuto la bravura di alcuni dei nostri doppiatori sarebbe nell’olimpo dei grandi insieme a Meryl Streep, invece è ridotto a mettersi in dubbio con cose tipo 47 Ronin, l’uomo del Tai Chi, o a interpretare film del calibro di Generazione Um….

Mi dicono spesso di rassomigliare a Keanu Reeves, la mia risposta tipica è puntualmente “peccato che non abbia anche la voce di Luca Ward!“.

Annunci

From → Doppiatori

15 commenti
  1. Leo permalink

    In genere vedere nominare “pervertito” un regista apertamente gay mi darebbe un po’ fastidio, ma quel frocio di Gus Van Sant non solo si è permesso di fare un remake inquadratura per inquadratura dello Psycho di Hitchcock, ha pure messo Vince Vaughn nel ruolo di Norman! ;P

    • Sai, do del pervertito anche a Michael Bay, il problema non è l’orientamento sessuale.

  2. Evit, mi hai aperto il mondo sulla recitazione “originale” di certi attori e, al tempo stesso, mi metti i dubbi visto che i film li vedo solo in italiano dal momento che non so l’inglese.
    Per cominciare, anch’io adoro Paila, trovo che sappia essere molto conturbante nei suoi ruoli; secondo me, è allo stesso livello di Maria Pia Di Meo, affascinanti quando devono esserlo, spiritose e ironiche in altri momenti… praticamente, le adoro entrambe!
    Per gli altri attori doppiati, a parte Van Damme che non mi attira (mio marito preferisce i suoi film e quelli di Segal, quando c’è da combattere è il primo della fila!) è tutta una sorpresa!
    Soprattutto Michelle Pfeiffer e Keanu Reeves; quest’ultimo io lo abbino a Francesco Prando, sarà perché quando passano Speed in tv, anche se è la 100a volta, guai a perderlo (vedi la passione per l’azione del maritino!).
    Ribadisco la bravura di Sorrentino e invece adesso capisco perché Kostner è doppiato pure in pubblicità…!!! Stendiamo un velo pietoso su quest’ultima interpretazione 😉
    Grazie ancora una volta per il tuo lavoro, se non ci fossi tu non verrei a conoscenza di come sono gli attori in originale…
    Stefania

    p.s. se somigli a Keanu, allora sei carino….

    • Si ma non ho la voce di Luca Ward!!! Ahah.
      Non sono “identico” a Keanu ovviamente ma be’ insomma me la cavo 😉
      Vedrò di tirare fuori allora una lista di attori che non saranno mai resi bene in italiano o qualcosa del genere, so che questi articoli ti stimolano a commentare ;-D

      Michelle Pfeiffer è molto più brava di Keanu, siamo su mondi diversi tra i due… Comunque una certa dose di cattiva recitazione può fornirla anche lei ogni tanto. Diciamo che volevo mettere in lista anche un’attrice per non fossilizzarmi solo su gli uomini e lei è saltata alla mente ripensando a Batman – Il Ritorno.

      Sono contento di avere anche lettori come te che l’inglese non lo conoscono troppo bene così ciò che dico è ancora di più una sorpresa. Io scrivo sempre nell’ottica che chi legge non ha avuto modo di guardare i film in lingua originale, quindi se riesco a interessare proprio quei lettori allora so di aver fatto un buon lavoro da mediatore culturale.

  3. Comunque i due “Bill & Ted” (soprattutto il secondo) sono divertentissimi, una fonte di battute e citazioni cult (non da noi, ovviamente)… Ho letto che è in cantiere un terzo film (a vent’anni di distanza!), chissà se uscirà in Italia o meno… e come lo adatteranno.

    • È vero, ne ho sentito parlare anche io. Chissà!
      La mia battuta preferita era quella del compito di storia di Bill in cui aveva scritto che Cesare era il tizio del condimento da insalata.

  4. aledub permalink

    Sul discorso pannofino-van damme andrei avanti per ore. Per me e’ sacro almeno quanto quello con clooney e washington..in realta’ ho conosciuto Francesco come voce di jean claude seguendo molto i suoi film. Peccato che ormai si sia perso, poi nel recente film I Mercenari 2 dove finalmente Van Damme torna al cinema chi mettono? Franco Mannella…bravissimo attore per carita’ ma con il belga non centra proprio nulla. E dire che se proprio non volevano Pannofino potevano esserci altre valide alternative: a parte Luca Ward (gia occupato a doppiare Dolph Lundgren nel film) potevano Massimo Rossi, altra voce ricorrente di JCVD e molto simile all’originale.

    • Sarà che non ho mai visto più di due-tre film di JCVD in vita mia ma ho quasi l’impressione che non ci sia mai stato un vero e proprio “piano” per assegnargli una “voce ufficiale”. Più o meno lo identifico con Pannofino in base a ciò che ho visto negli anni 90, è la voce che mi aspetto esca dalla sua bocca.

      Concordo che Rossi sarebbe stato un ottimo candidato per similitudine con l’originale.

  5. Carmelo permalink

    Un altro attore famoso che (almeno per me) non ha una voce particolarmente interessante è Tom Hanks, nel “Il Miglio Verde” Chevalier gli ha dato più verve

    • Devo ammettere, adoro la voce italiana di Hanks.

  6. Leo permalink

    A me la voce di Tom Hanks piace, la trovo espressiva. In italiano ha avuto millemila voci, non saprei sceglierne una che mi piaccia più di tutte, tra Tonino Accolla, Fabrizio Frizzi… Angelo Maggi forse? Gli si avvicina molto.

  7. ahahahahhahah adoro questi articoli! La cosa della recitazione da cani delle versioni originali le ho scoperte quando ho cominciato a guardare Nostalgia Critic, visto che sovente prende delle scene atroci e le sbeffeggia proprio come hai fatto tu, cosa che in italiano invece non viene notata perchè “giustamente” sotto un certo standard non si scende col doppiaggio!

    Tra i personaggi “migliorati” in italiano direi anche Carrie Fisher (anche lei sbeffeggiata dal Critic per la sua recitazione teatrale), però più che Ottavia Piccolo (più brava della Fisher, ma nel primo Star Wars è atroce… la Santamaria della situazione! poi migliora, ma non troppo!) direi che Micaela Esdra in “Blues Brothers” le abbia donato una recitazione perfetta 😀

    • Leo permalink

      Il problema della Principessa Leia in Guerre Stellari era il fatto che Carrie Fisher entrasse e uscisse da un improbabile, approssimato accento britannico. Per essere più precisi si sentiva solamente in scene come quelle con Peter Cushing. Nelle scene con i ribelli, alla base di Yavin IV, parla con un accento americano standard. Che fosse un britannico “per simpatia”, adottato inconsciamente? A me è capitato più volte di ritrovarmi con parlanti di una regione diversa e, dopo un po’, adottare inconsciamente la stessa cadenza, se non addirittura un’approssimazione dello stesso accento.

    • Lo stesso Yoda qualcuno sostiene che abbia sfumature recitative molto più raffinate in italiano, ma lo sapete che, a meno che non si tratti di casi clamorosi e palesi, non tratto l’argomento perché ritengo che esuli dalle mie competenze. Questi due articoli sono un piccolo strappo alla regola per il gusto di farvi divertire un po’ e magari per farvi scoprire attori che magari non sapevate fossero cagnacci (o comunque meno bravi di quanto immaginavate, essendone abituati alle versioni doppiate).

Trackbacks & Pingbacks

  1. 5 attori americani che la voce dei nostri doppiatori se la sognano… | Doppiaggi italioti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...