Skip to content

Kick-ass – Un calcio in culo? Non proprio

by su 20 settembre 2014

motherfucker

Quando prendete un film degli ultimi 5 anni, mi dite che parla di super eroi e mi dite anche che è stato doppiato lasciando ai personaggi i nomi originali (tra i quali: Kick-ass, Big Daddy e Motherfucker) sapete già che partirò in quarta per demolire il suo adattamento italiano.
Contro ogni aspettativa, ciò non accade con Kick-ass (e con il suo seguito Kick-ass 2).

Il contesto: regazzini che si menano

La serie inizia con un regazzino non particolarmente furbo che si domanda perché nessuno nella vita reale abbia mai deciso di vestirsi da super eroe e comoprtarsi da tale. Gli amici gli rispondono: perché moriresti il primo giorno di lavoro. Lui non li ascolta e quasi muore il primo giorno di lavoro… ma siccome è poco furbo non sarà certo una simile lezione a frenare il suo immotivato nerdesiderio.

L’intera serie gravita intorno al regazzino (che indossa una muta da sub di colore verde e che si fa chiamare Kick-Ass), al suo crescente seguito di improvvisati eroi-amici, ad una regazzina addestrata dal padre degenerato a diventare un’assassina e ad un nemico in crescita che forse è ancora più scemo del protagonista. Cancellate il “forse”.
Il tutto è condito da una violenza reale ma portata così all’eccesso da essere quasi “fumettistica”… quasi.

Mazze da picchiatore fascista, passamontagna da brigatista, colore verde da ronda leghista… il nostro eroe, signore e signori.

Il messaggio del film non è ben chiaro… forse che a voler fare i super eroi si beccano tante di quelle mazzate che dovresti essere proprio stupido a volerlo fare, o che le ronde di “vigilanti” servono solo ad amministrare una giustizia iniqua degna di Hammurabi, o forse che se lasci fare alla polizia quella ti lavorerà meglio di un adolescente vestito di verde, o forse ancora che le scelte stupide di un adolescente poi le pagano, care e amare, soprattutto i familiari e chi gli vuole bene.
[È mia opinione personalissima che il film si classifichi nella categoria “drammatico”. Il divertimento e le risate dello spettatore originano soltanto dalla giustapposizione di situazioni orribili, uno stile eccessivo e le azioni di persone profondamente stupide]

Soppesiamo l’adattamento italiano

In tutto ciò abbiamo un adattamento italiano che lascia invariati quasi tutti i nomignoli che i regazzini decerebrati danno ai loro “eroici” alter ego. Chi ha letto la mia cornucopia di furiosi articoli incentrati sull’adattamento di Captain America, saprà che solitamente questo tipo di adattamenti sono quelli che più disprezzo. Eppure in questo film la cosa funziona quasi sempre.

Paradossalmente, la scelta di lasciare i nomi in lingua inglese in Kick-Ass ha abbastanza senso. Voglio cercare di dare una giustificazione sul perché non sono stato disturbato minimamente.
Pensiamoci su un attimo prendendo come esempio opposto i film Marvel… i film della Marvel si svolgono in tempi moderni ma in un mondo palesemente alternativo dove:

  • Un genio, rapito da terroristi, riesce a creare una fantascientifica fonte di energia pulita grazie ad un assemblaggio inedito di componenti messi a disposizione per lui in una grotta in Afghanistan.
  • Esseri di altri universi e dalle sembianze umane (ma non ben precisati poteri) arrivano sulla Terra e si proclamano divinità, salvo essere presi comicamente a calci in culo da Hulk (umano con poteri i cui limiti non sono mai ben definiti).
  • New York e Londra vengono invase da alieni provenienti da altre dimensioni.
  • Il partito nazista, come in una trama di Roberto Giacobbo, aveva a disposizione armi così avanzate e fantascientifiche che non si sa come abbia potuto perdere la guerra.
  • Etc… etc…

Insomma avete capito, i film della Marvel sono praticamente dei fantasy moderni. I loro personaggi hanno tutto il diritto di ricevere un adattamento dei nomi, dove possibile e specialmente quando ci sono già dei precedenti nella serie a fumetti storica (dove per esempio “Captain America” si chiama giustamente Capitàn America).

kickass02

In Kick-ass invece non c’è niente di tecnologicamente e improbabilmente avanzato (a parte il volo in jetpack alla fine del primo), gli eventi mostrati nel film potrebbero tranquillamente essere riportati da RaiNews domani senza che nessuno batta ciglio… a tutti gli effetti è un film che si svolge nella vita reale, come potrebbe esserlo Little Miss Sunshine.
I personaggi sono persone vere, la New York è la vera New York, dove se sfotti un teppista mentre indossi una muta da sub verde quello ti riempirà di botte e coltellate e finirai minimo minimo all’ospedale. Ciò che vediamo su schermo è ciò che presumibilmente sta avvenendo nella vera New York di oggi… non può disturbare più di tanto il sentire che questi ragazzi americani si scelgano nomi come Kick-ass, Red Mist, Big Daddy, Hit-girl, Battle Guy, Night Bitch, Ass-Kicker, Mother Russia, Gengis Carnage e persino Mother Fucker.
Ci sono poche eccezioni alla regola e queste sono fatte esclusivamente per portare a termine una battuta come il divertente “Morte Negra” (da “Black Death”), il nome affibbiato ad un scagnozzo di colore. Geni! Scommetto che il direttore del doppiaggio ha dovuto lottare contro il responsabile del marketing americano per poterlo tradurre.

kickass-2-hitgirl-russia-1024x576

È vero che viene meno la comprensione di molti di questi nomi per gli over-45 (indicativamente), di contro potremmo dire che il film ha un target di età comunque molto limitato, ma c’è anche da considerare che questi nomi da super eroi improvvisati non è che poi offrano chissà quale elemento comico in lingua originale (con eccezione di “Mother Fucker” nel secondo film e lì purtroppo non c’era neanche spazio per aggiunte tipo “Mother Fucker, il fotti-madre” o simili).
Anche “Toxic Mega Cunts”, il gruppo di anti-eroi fondato da Mother Fucker, forse non era poi così comprensibile (potremmo tradurlo come i Megastronzi Tossici, ma sono davvero dettagli poco determinanti).

Nomi degni di nota

Kick-ass origina dal lessico popolare americano, l’equivalente del nostro “fortissimo”; un qualcosa “che spacca”.

In Die Hard, alla richiesta d’irruzione della SWAT, quello spaccone del vice-capo di polizia ordina “kick ass!” (tradotto come “dateci dentro“), l’equivalente di “rompiamogli il culo” che però non rientrava nei tempi della battuta.

Hit-girl è una variazione di “hit-man”, ovvero “sicario”. Hit-girl sarebbe come dire “sicarietta”.

Big Daddy potrebbe essere “Grande Paparino” o anche soltanto “Paparino”.

Tutti gli altri nomi sono facilmente comprensibili con una banale ricerca su Google Translate. Per Mother Fucker rimando ad un vecchio articolo.

Paparino e Sicarietta

Paparino e Sicarietta

Piccoli dettagli fanno la differenza

Sono i piccoli dettagli che salvano la scelta di lasciare i nomi in inglese!

Coloro che hanno lavorato alla direzione del doppiaggio, infatti, (Silvia Pepitoni nel primo, Oreste Baldini nel secondo) se non altro hanno avuto l’accortezza di mantenere i nomi originali dei personaggi in maniera NON sconsiderata, al contrario di cose come Captain America e Pacific Rim dove persino i gradi militari erano in inglese (Captain e Marshal rispettivamente).
Difatti non solo “The Mother fucker” e così ” The Tumor” diventano più semplicemente “Mother Fucker” e “Tumor”, con la perdita dell’articolo determinativo inglese (che sarebbe stato stupido lasciare), ma persino nomi tipo “Mother Russia” ci vengono giustificati nei dialoghi italiani quando possibile. Vediamo l’esempio:

Nel momento in cui “Mother Fucker” sta dando nomi da “eroe” ai suoi nuovi scagnozzi gli viene presentata un’assassina, ex-KGB, a cui lui deve dare un nome, allora lui ci pensa un po’ su e dice “Madre Russia, eh? Mother Russia!” (pronunciato “mader ràscia” all’inglese, giustamente).

Infine “Colonel Stars and Stripes” diventa il Colonnello “Stars and Stripes”… il grado di colonnello è stato tradotto a differenza dei due film sopra citati dove nei dialoghi italiani permanevano anche i ranghi di “Captain” e “Marshal” lasciati in inglese… da aggiungere al già ampiamente discusso e vomitevole fiume di supercazzole amaragane come: drop, pararescue, carrier, helicarrier, software tracer e blade server di targeting. [NdA fanculo!]

Sono questi piccoli dettagli che fanno la differenza tra una scelta cosciente nel lasciare dei nomignoli in inglese (e se non è cosciente almeno è una scelta che aggiunge “auto-giustificazioni” all’interno dei dialoghi) ed una scelta incosciente, ingiustificata, imposta senza se e senza ma dai distributori americani, che più che imposta è supposta.

kick-ass

…ma con i baffi

Anche il nome del gruppo di eroi, “Justice Forever” (traducibilissimo insieme a quello dei Toxic Mega Cunts), riecheggia di adattamenti moderni come quello del gruppo “Avengers”, lasciato tale e quale nel film doppiato in italiano (nonostante esistessero già nella letteratura di settore come “Vendicatori”).
Essendo Kick-Ass in parte una parodia di molti film di supereroi, potremmo interpretare in parallelo anche il suo adattamento italiano come una parodia… una parodia dei doppiaggi italiani moderni, di doppiaggi come Captain America, The Avengers ma anche Oblivion e Pacific Rim. Una presa in giro verso la sciatteria dei “geni” del marketing americani che forzano la mano dei direttori di doppiaggio costringendoli spesso ad un lessico innaturale, estraneo, insensato, a tratti abominevole.
Così mi piace interpretare l’adattamento di Kick-Ass. Voglio crederci.

credici

Proprio per questo l’uso di nomi in inglese non mi ha fatto né caldo né freddo in questo film: non detrae molto dall’esperienza, sono comunque adattati almeno un po’ (con la perdita dei “the” e traduzione dei ranghi militari), alcuni sono stati tradotti se era necessario sfruttarli per una risata (“Morte Negra”) e, dove c’è stato spazio per farlo, sono stati anche giustificati modificando lievemente i dialoghi (come il caso di Mother Russia)… i pochi altri casi, lasciati in lingua originale seppur facilmente traducibili, non possono altro che essere imposizioni irrifiutabili da parte dei responsabili esteri (perché per i direttori di doppiaggio sempre da barcamenarsi tra le richieste stupide del pagante e la voglia di fare il proprio lavoro per bene), ma a me piace vedere questi elementi come una parodia dei doppiaggi moderni sui film di supereroi.

Certo sarei curioso di sapere come lo avrebbero adattato negli anni ’80, quando c’era un po’ più di libertà per i direttori di doppiaggio. Probabilmente avrebbe avuto tutto un altro gusto e battute più memorabili dello stesso copione originale… ma chissà! Rimane comunque un prodotto di questa epoca, nel bene e nel male.

 

Curiosità finale

È anche l’unico film dove sentire la parola “bimbominkia” mi ha fatto ridere invece di farmi innervosire come mio solito… mi starò ammorbidendo! Devo dire che, solo per questo piccolo ma non sottovalutabile miracolo, l’adattamento di questa serie potrebbe forse essere considerato piccolo capolavoro di meta-linguaggio.
Adesso avete il diritto di accusarmi di tutto ciò che volete e di rompermi il culo, virtualmente parlando. Sono disponibile cioè a qualunque “ass-kicking” mi vogliate sottoporre, ne avete facoltà!

____________________

Santo Nicolas veglia su di voi, traduttori capaci ed eroici direttori di doppiaggio.

Advertisements

From → Apprezzamenti, Film

9 commenti
  1. Woody Alien permalink

    Grande post, ben argomentato, non ho proprio niente di cui accusarti!
    Ho solo una curiosità: mi pareva che in originale Motherfucker dicesse ai suoi scagnozzi “I am evil Jesus”, mentre questa battuta è del tutto assente nella versione italiana. Non ho sottomano il film quindi non posso controllare, però tu cosa ne pensi? Semplice differenza culturale o tentativo di eliminare possibili controversie (che secondo me sarebbero state pretestuose perché Motherfucker è volutamente esagerato e caricaturale a partire dal nome)?

    • La frase originale è: “I’ll be immortal, like an evil Jesus!
      In italiano diceva “sarò immortale come il male nel mondo“.

      Onestamente non so se si tratti veramente di censura, io non credo. È che il far precedere un aggettivo a “Jesus” fa parte del lessico comico americano emerso con “Family Guy” e adottato dagli adolescenti statunitensi ma che putroppo non si riesce mai ad adattare bene in italiano, almeno non con lo stesso effetto comico. Nelle recensioni di Mr. Plinkett parlavano ad esempio di uno “space Jesus” (riferendosi a Anakin Skywalker), traducibile ovviamente come “Gesù spaziale”, ma in italiano non ha lo stesso effetto. L’unica cosa che si avvicina a “space – qualcosa” come effetto comico è il nostro “galattico” di fantozziana memoria.

      Immortale come il male nel mondo” ha molto più senso di “immortale come un Gesù malvagio“. La battuta originale funziona molto bene in inglese ma non funzionerebbe altrettanto bene in italiano. Mi sembra un’alterazione dovuta a questo motivo più che ad una censura vera e propria. Poi chissà!

  2. Rado il Figo permalink

    Oddio, non se sia una usanza lombardo-milanese o derivasse da Cochi e Renato, ma l’aggiunta di un “della Madonna” come “rafforzativo” mi pare che potesse calzare come adattamente.

    Verrebbe fuori qualcosa come: “Sarò immortale come un malvagio della Madonna!”

    • Ahahah! Molto carina

    • Danilo permalink

      Mi piace molto come suona! E anche qui a Cagliari si usa!

    • Penso sia piuttosto diffuso in tutta Italia. Un ottima alternativa

  3. Woody Alien permalink

    Ottima idea quella del malvagio “della madonna”, direi che sarebbe stato molto azzeccato per il tipo di personaggio!
    Grazie, come sempre, per le risposte e le precisazioni.

  4. INFERNO86 permalink

    Io penso che il film e una figata assurda primo, poi la storia e strutturata benissimo, propio da fumetto comics e il grande Nicolas Cage e un guru in ruoli simili. Commentare un film dedicato hai sogni che abbiamo tutti da bambini (cioè fare i Super Eroi) e un assurditá, si vede che non avete propio un cazzo da fare!!!

    • Infatti non ho un cazzo da fare, per questo perderò tempo anche a risponderti.
      Esigere che tu capisca lo scopo e le intenzioni di questo articolo credo sia del tutto inutile dato che non conosci neanche le basi della lingua italiana, scrivendo “ai” con l’acca e sfoggiando senza vergogna il verbo essere alla terza persona singolare dell’indicativo presente senza mai usare l’accento. Anche se tu tirassi fuori la scusa di una fantomatica tastiera estera oppure quella dell’auto-correttore del cellulare, rimane un uso dei congiuntivi che ti è completamente ignoto (suggerisco “penso che il film sia una figata assurda” al posto di “penso che il film e una figata assurda”).
      Infine mi piace molto che il tuo commento si apra con un “una figata assurda”, un’espressività che riesce a dare molto peso a qualsiasi concetto successivo. Inutile dirti che, nonostante le mie critiche all’adattamento italiano, il film mi è piaciuto molto e non c’è niente nell’articolo che faccia intuire il contrario, ma queste cose un analfabeta funzionale come te non può capire.
      Se sei straniero ti consiglio di esercitarti sulla comprensione del testo ancor prima di affinare il tuo italiano scritto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...