Skip to content

[Italian credits] Io ti salverò (1945)

by su 17 febbraio 2017

 

iotisalvero_02

Anche questa settimana devo ringraziare Antonio Luca De Tomaso per aver inviato la titolazione italiana di un grande classico del cinema: Io ti salverò (Spellbound, 1945) di Alfred Hitchcock.
I crediti provengono dalla collana di VHS “Le Bellissime” (1991) de L’Espresso Cinema.

io-ti-salveroIl film è ispirato al romanzo The House of Dr. Edwardes (1927) di Frances Beeding (pseudonimo collettivo usato da Hilary St. George Saunders per i thriller scritti con John Palmer), giunto Italia solamente nel 2015 grazie a Il Saggiatore. Il romanzo è la storia drammatica di uno psicopatico portato in manicomio dove però anche alcuni medici sono pazzi: probabilmente tra i progenitori dell’abusato genere “Chi è il vero matto?” usato da infiniti film e purtroppo attivo ancora oggi.

Una curiosità riguardo al coinvolgimento dell’attore protagonista ce la racconta il saggio biografico Gregory Peck (The Films of Gregory Peck, 1984) di John Griggs (Gremese Editore 1984):

Quando si accorse che quasi tutte le principali case di produzione cinematografica stavano cercando di accaparrarsi Gregory Peck, David O. Selznick, l’uomo che gli aveva opposto il primo rifiuto a Hollywood, riconsiderò il suo gesto e decise di offrire egli stesso un ingaggio alla nuova celebrità. Anni dopo, Katharine Brown, che per prima aveva sottoposto Gregory Peck all’attenzione di David O. Selznick, osservò che l’autore «era costato al produttore circa quattro volte la somma che avrebbe pagato all’inizio».
Il leggendario Selznick, che contava tra i suoi maggiori successi cinematografici Pranzo alle otto, David Copperfield, Le due città, È nata una stella, Via col vento, Intermezzo, Rebecca, la prima moglie, raramente badava a spese pur di ottenere ciò che desiderava; perciò non perse tempo e per il suo nuovo film giallo ingaggiò due grandi attori. Il film, diretto da un maestro del “thriller”, riguardava un argomento che stava molto a cuore al produttore. Infatti Selznick si era sottoposto per lungo periodo a una terapia psicanalitica che gli era stata d’immenso aiuto. In conseguenza di quest’esperienza positiva, divenne egli stesso un convinto patrocinatore dell’analisi e decise di dividere la sua scoperta con gli appassionati di cinema, sperando di far giungere alle orecchie di tutto il mondo le straordinarie qualità terapeutiche di questa branca relativamente nuova della medicina. Da questo desiderio nacque Io ti salverò.

(traduzione di Franca Perugia)

io-ti-salvero-1948-11-03

da “La Stampa”, 3 novembre 1948

Titoli di testa

iotisalvero_01

iotisalvero_02

iotisalvero_03

iotisalvero_04

iotisalvero_05

iotisalvero_06

iotisalvero_07

iotisalvero_08

iotisalvero_09

iotisalvero_10

iotisalvero_11

iotisalvero_12

iotisalvero_13

iotisalvero_14

iotisalvero_15

Lettere

iotisalvero_16

iotisalvero_22

iotisalvero_21

iotisalvero_20

iotisalvero_19

iotisalvero_18

iotisalvero_17

Titoli di coda

iotisalvero_23

iotisalvero_24

L.

P.S.
Se simili resoconti vi interessano continuate a seguirci ogni venerdì qui su Doppiaggi Italioti e vi invito a venire a trovarmi anche sul mio blog Il Zinefilo: viaggi nel cinema di serie Z.

– Ultimi post simili:

Annunci

From → Italian credits

4 commenti
  1. “IL psichiatra” LOL

    la prima lettera è in originale?

    PS: sarebbe bello scoprire chi fosse il “calligrafo” dei film d’epoca… la grafia sembra sempre la stessa (probabile!). Alla fine, sarebbe da accreditare quasi come una voce!
    anche perchè le scene dove si vedevano che scrivevano o inquadravano le mani, dovrebbero essere inquadrature “italiane”… anzi mi immagino durante il doppiaggio mentre reshoottano queste scene!

    • Infatti sarebbe meraviglioso scoprire gli artisti che “italianizzavano” i film: tipo aggiungere una notizia italiana in un riquadro del giornale lasciato in inglese! (Sì, la prima lettera è lasciata misteriosamente in inglese.)
      Probabilmente la psichiatria era ancora materia relativamente “nuova” e l’italiano non si era ancora adattato alle parole che iniziano per “ps”, chissà. Però ancora oggi mi capita di trovare scritto “il pneumatico” quindi penso sia semplicemente una svista dello scrittore…

  2. Vorrei solo rettificare che la VHS da cui ho preso queste immagini non è la versione DeAgostini ma un supporto integrativo a l’Espresso. Se a qualcuno interessa vedere l’immagine del cartonato basta ricercare “Io ti salverò VHS Espresso” su Google.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...